Tav, ottenuto il rinvio dei bandi. “L’opera verrà discussa integralmente”

Lo scrivono su Facebook Michele Dell'Orco, sottosegretario alla Infrastrutture e trasporti e Laura Castelli, sottosegretario all'Economia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo ottenuto il rinvio dei bandi per il Tav che partiranno tra 6 mesi solo se Italia Francia raggiungeranno un accordo serio”. Lo scrive su facebook Laura Castelli, sottosegretario all’economia. “Tutto questo- aggiunge- senza nessun costo per lo Stato e senza toccare i soldi degli italiani. Questo governo prosegue forte del rispetto del suo contratto fondatore per realizzare le cose che servono all’Italia”.

DELL’ORCO: RINVIO BANDI, OPERA VERRÀ RIDISCUSSA INTEGRALMENTE

“Si va verso il rinvio dei bandi Telt per il Tav. Non partiranno lunedì. L’opera verrà ridiscussa integralmente come previsto da Contratto. Il buon senso ha prevalso. Priorità rimane la semplificazione del codice degli appalti e un grande piano di manutenzione di ponti e strade”. Lo scrive su facebook, Michele Dell’Orco, sottosegretario alla Infrastrutture e trasporti.

SOLE24ORE: DA GOVERNO LETTERA A TELT CON ‘CLAUSOLE DISSOLVENZA’

“Una lettera è stata inviata da Palazzo Chigi alla Telt per autorizzare l’approvazione di avvisi per i 2,3 miliardi di lavori del tunnel di base della Tav con la clausola di dissolvenza che sarà motivata dall’avvio della procedura di revisione del trattato italo-francese”. Lo scrive il Sole24Ore sul suo sito. “I contenuti della direttiva e dei bandi non sono ancora noti, ma sarà comunque presente un riferimento alla volontà di Roma di chiedere a Parigi e Bruxelles di rivedere il Trattato. L’ipotesi era stata allo studio dell’Esecutivo era stata anticipata dal Sole 24 Ore nelle scorse ore”, si legge sul sito del quotidiano economico. La lettera “è frutto dell’intesa raggiunta in extremis da Lega e M5S e terrebbe conto delle condizioni avanzate ieri da Luigi di Maio, che aveva chiesto di non impegnare soldi pubblici in questa fase. Numerose le dichiarazioni delle ultime ore alla trattativa tra gli esponenti del MoVimento 5 Stelle e la Lega sul rischio crisi di governo connesso allo stallo sulla Tav”, aggiunge il Sole24Ore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»