Cultura

Tra filosofia e scienza, al Maxxi di Roma dialogo Cacciari-Rasetti

ROMA –  Ancora un incontro speciale per approfondire i temi della mostra ‘Gravity. Immaginare l’Universo dopo Einstein’, nata dalla inedita collaborazione tra Maxxi Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Asi Agenzia Spaziale Italiana e Infn Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Questa volta saranno un filosofo, Massimo Cacciari, e un fisico e matematico, Mario Rasetti, a confrontarsi su temi etici, filosofici, scientifici nell’era della rivoluzione digitale.

‘Dialoghi tra filosofia e scienza’

Appuntamento venerdì 9 marzo alle 18 per l’incontro intitolato ‘Dialoghi tra filosofia e scienza’, introdotto da Giovanna Melandri, presidente Fondazione Maxxi e moderato da Andrea Zanini, portavoce Presidente Asi e co-curatore della mostra Gravity (Auditorium del Maxxi, ingresso gratuito fino a esaurimento posti grazie a Enel main partner della mostra). Al centro dell’incontro, le prospettive dell’uomo e della società, dell’etica e della conoscenza e, soprattutto, della rivoluzione digitale in corso: Big Data, intelligenza artificiale, complessità e supercalcolo. Ne discuteranno Massimo Cacciari, professore emerito di Estetica presso l’Università di Venezia, e Mario Rasetti, presidente della Fondazione Isi, dedicata all’Interscambio scientifico: due diversi punti di vista e due diversi approcci per un dialogo sull’uomo e il suo futuro. Il programma di incontri, tutti a ingresso libero grazie a Enel, prosegue con monsignor Gianfranco Ravasi e il presidente dell’Asi Roberto Battiston (22 marzo 2018), l’astronauta Paolo Nespoli e il fumettista Leo Ortolani (23 marzo), l’austronata Samantha Cristoforetti e l’ingegnere aerospaziale Amalia Ercoli Finzi, la ‘mamma’ della missione Rosetta, prima donna italiana a laurearsi in ingegneria spaziale (10 aprile), l’artista Laurent Grasso e il neurobiologo britannico Semir Zeki (27 aprile).
9 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»