Sanità. Ass. Telesca a giornata mondiale dell’epilessia a Udine

SALUTE- TELESCAUDINE – Evento internazionale a Udine ieri sera nella giornata mondiale dell’epilessia. Mentre la loggia di San Giovanni in piazza Libertà si illuminava di viola (colore simbolo della lotta a questa malattia) in sala Ajace si è tenuto un incontro dal titolo “Chi ha paura dell’epilessia? Da Dostojevski a Mozart”, organizzato dalla Lega italiana contro l’epilessia (Lice) nell’ambito dell’evento mondiale promosso dall’International Bureau for Epilepsy e dall’ International League against  Epilepsy in 138 Paesi.

   “Ringrazio gli organizzatori di questo importante evento e porto la testimonianza dell’Amministrazione regionale nella lotta a questa malattia, così temuta, che coinvolge la persona e la sua famiglia” ha affermato l’assessore alla Salute, Maria Sandra Telesca, che ha partecipato all’evento. La conferenza è stata introdotta dall’assessore alla Salute del Comune di Udine, Simona Liguori, e condotta dal coordinatore regionale della Lice, Giovanni Crichiutti, pediatra neurologo.

   L’evento ha voluto offrire spunti per suscitare l’attenzione della popolazione verso una patologia molto diffusa ma poco conosciuta, con agganci alla letteratura e alla musica. Luisa Valeria Carpignano e Ferdinando Mussutto hanno eseguito al pianoforte, a 4 mani, la sonata K 448 di Mozart per introdurre il cosiddetto “effetto Mozart” in neurologia, che rappresenta un effetto curativo musicale.

   “La musica è terapeutica per tutti, non solo per la malattia” ha commentato Telesca. “L’epilessia è a sua volta ammalata di un’altra malattia: il pregiudizio. E insieme dobbiamo combattere il pregiudizio con la conoscenza, garantendo ai malati di epilessia una vita normale. L’importante è parlarne, specialmente da parte di chi ha il patrimonio della conoscenza: inclusione vuole dire anche superare i pregiudizi”.

9 Feb 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»