Carige, Toti: “No a nazionalizzazione, economia e Stato cose diverse”

Il governatore della Liguria è convinto che banca Carige abbia "le risorse e la forza di risollevarsi con le sue gambe"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Nonostante l’ombrello del governo, continuo a ritenere che l’economia debba essere una cosa e lo Stato debba essere un’altra. Sulla nazionalizzazione mi trovo in disaccordo, ove questo dovesse avvenire. Credo che Carige abbia le risorse e la forza di risollevarsi con le sue gambe, di tornare a essere il punto di riferimento centrale del territorio, di trovare un’autonomia di capitali e partner per costruire la seconda parte della sua vita”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, nel corso della conferenza stampa con i commissari di Banca Carige per la firma del rinnovo dell’accordo del servizio di tesoreria per l’ente regionale.

LEGGI ANCHE:

Carige, il Consiglio dei ministri approva dl con misure urgenti

“C’è una governance che esce dall’ultima assemblea degli azionisti e quindi ha la fiducia dell’azionariato, ha la fiducia della Bce e delle istituzioni locali. Siamo in un sistema di governance ottimale per fare le scelte più opportune“, conclude il governatore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»