AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Articoli

Iss, Santi: “Dg Gualtieri ha tutte le carte in regola”

SAN MARINO – Con la scelta di Andrea Gualtieri nuovo Direttore generale dell’Iss “abbiamo raggiunto un bellissimo risultato per professionalità, per l’utilizzo di una risorsa sammarinese a disposizione con l’esperienza e la capacità necessarie a centrare gli obiettivi della riorganizzazione della nostra sanità e del welfare”. Franco Santi, segretario di Stato per la Sanità, nel corso della conferenza stampa odierna del congresso di Stato, elenca i motivi che hanno portato l’esecutivo alla nomina dell’ormai ex direttore dell’Authority sanitaria alla Direzione generale dell’Istituto per la sicurezza sociale. Non da ultimo, Santi sottolinea anche l’aspetto economico, nel rispetto del tetto dei 100 mila euro previsto dalla legge per le retribuzioni dei dipendenti pubblici. La bontà della scelta va ribadita per Santi in replica alle polemiche giunte in questi giorni dall’opposizione che lamenta al contrario una nomina calata dall’alto e non successiva ad un bando pubblico.

“Da parte nostra, come coalizione- spiega Santi- si era preso un impegno politico preciso di dare seguito ai contenuti di un ordine del giorno della passata legislatura sulla sostituzione del comitato esecutivo dell’Iss e in particolare modo del direttore”. Per questo motivo “abbiamo proceduto in modo urgente- prosegue- vista la scadenza del 31 dicembre, con la nomina di Gualtieri che è un professionista sammarinese che ha tutte le carte in regola per fare un buon lavoro come Direttore generale”. Rispetto alla sostituzione e nomina delle altre figure del comitato esecutivo, ovvero direttore amministrativo e socio sanitario, Santi spiega che “si procederà ad un avviso pubblico con scadenze a brevissimo“. Infine, lo stesso segretario di Stato ringrazia Dario Manzaroli e Filippo Francini “per aver dato disponibilità a prolungare la loro attività nel comitato esecutivo fino alla fine di gennaio, garantendo continuità all’Iss”.

09 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram