AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Congresso, sul tavolo restyling funivia e danni a Prima Torre

SAN MARINO – Centro storico alle prese con trasferimenti di Segreterie, manutenzioni straordinarie ed emergenze meteorologiche. Sul tavolo del congresso di Stato, riunito per la prima volta nel 2017, sono diverse le pratiche esaminate che interessano il cuore della Capitale. Ad illustrarle, nella conferenza stampa odierna dell’esecutivo, al termine della riunione settimanale, una delegazione di segretari di Stato. Franco Santi, segretario di Stato per la Sanità, annuncia la prima novità che riguarda il centro: ovvero il trasferimento effettivo, da mercoledì, del suo staff nella sede di quella che fino ad oggi è stata la segreteria di Stato al Turismo. Come promesso, la segreteria di Stato per la Sanitàesce” quindi dall’ospedale di Cailungo per trasferirsi in contrada Domagnano.

Simone Celli, segretario di Stato alle Finanze, con delega ai Trasporti, passa poi a spiegare la sospensione del servizio della Funivia di Borgo da oggi al 21 aprile prossimo. La storica funivia utilizzata da sammarinesi e turisti per giungere al centro storico viene quindi chiusa per quasi 4 mesi, “per rendere possibile la manutenzione straordinaria ventennale”, spiega Celli, che include tra l’altro opere edili e la revisione dell’impianto elettrico. “Sono lavori previsti da protocolli tecnici ogni 20 anni- chiarisce il segretario di Stato- e che costeranno allo Stato circa 1 milione e 900 mila euro“. Per limitare i disagi alle attività commerciali, nel periodo pasquale sarà comunque organizzato un servizio navetta per il trasporto da Borgo al centro storico.

Diversamente dai lavori di manutenzione della funivia, non erano invece preventivati quelli necessari al ripristino della Prima Torre, una delle mete più visitate dai turisti sul Titano. Marco Podeschi, segretario di Stato per la Cultura, chiarisce che i danni causati dal fulmine che l’ha colpita lo scorso 5 gennaio sono “consistenti”: dalla relazione dei Musei di Stato e del Dipartimento Cultura, risulta che “l’impianto elettrico è completamente distrutto- spiega- in più risulta qualche danno alla struttura, ci sono pareti annerite per il fumo”. Anche se sono già partiti gli interventi per ripristinare la struttura, la Prima torre resta quindi chiusa al pubblico fino a data da destinarsi. Podeschi anticipa poi i primi passi compiuti dal congresso per attivare il progetto di mobilità sostenibile: “Abbiamo dato indicazione agli uffici ed Enti della Pa affinché, nel 2017, qualora si intendano acquistare veicoli, questi siano a propulsione elettrica ibrida o a idrogeno”. E ancora, un’altra indicazione è stata data rispetto l’uso di mezzi nelle vie interne alle mura di Città. “Visto che il centro storico è Patrimonio Unesco- osserva Podeschi- e c’è un via vai notevole di mezzi, chiediamo alla Polizia civile di fare verifiche su tutti i permessi”. Il segretario di Stato motiva il “giro di vite” per “aspetti legati al rispetto ambientale e di sicurezza”. Gli stessi segretari di Stato assicurano di dare il buon esempio: “Ci siamo impegnati a lasciare le auto fuori dalle mura- assicura Podeschi- e daremo indicazioni a chi lavora con noi di muoversi il meno possibile nelle vie del centro”. Infine, Augusto Michelotti, segretario di Stato per il Turismo e il Territorio, sottolinea la sua soddisfazione per il successo del Natale delle Meraviglie che ha visto nei giorni di festa “un centro storico pieno”. Michelotti riconosce: “Non è merito nostro, il lavoro è stato fatto da chi ci ha preceduto” rispetto il quale “vogliamo dare continuità”. Michelotti spiega anche che si sta attivando per portare avanti il futuro piano regolatore: “Sto cominciando a prendere contatto con tutti i tecnici e dovrò farlo anche con lo studio Boeri, scelto per questo lavoro”. Infine, i rappresentanti dell’esecutivo, anche se sollecitati dai cronisti, non anticipano quali temi saranno portati domani all’ufficio di Presidenza, in vista dell’Odg della prossima sessione consiliare.

09 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram