Arredi di lusso in stile mafioso in case popolari a Roma, Raggi: "Mai più #scroccopoli" - DIRE.it

Lazio

Arredi di lusso in stile mafioso in case popolari a Roma, Raggi: “Mai più #scroccopoli”


ROMA – “Arredamenti di lusso, maniglie dorate, decorazioni con brillanti, maxi schermi, vasche idromassaggio, cabine armadio da film hollywoodiani, allacci abusivi alla rete elettrica. Abbiamo trovato questo in alcune case popolari a Tor Bella Monaca. Appartamenti occupati abusivamente da persone riconducibili ad una nota famiglia malavitosa della zona. Bene, l’altro ieri sono intervenuti gli agenti dell’Unità di supporto della Polizia locale al dipartimento Politiche abitative e la Polizia di Stato. E due appartamenti grazie al nostro intervento sono stati già consegnati alle famiglie legittime assegnatarie in graduatoria. È una bella vittoria dei cittadini”. Lo scrive sul blog di Grillo la sindaca di Roma Virginia Raggi in un post dal titolo ‘La legalità a Roma torna al primo posto: #Scroccopoli è finita‘.

Ieri mattina, invece, prosegue, “abbiamo ripreso possesso di un appartamento di proprietà del Comune, di circa 100 metri quadrati, a due passi dalla Basilica di San Pietro. Era abitato da oltre 25 anni abusivamente da una famiglia con un reddito di 90mila euro e che, abbiamo scoperto, aveva altre case di proprietà a Roma. Insomma, un vero schiaffo per i tanti cittadini che sono in graduatoria ed aspettano un alloggio”.

Le occupazioni delle case popolari di Roma Capitale non saranno più tollerate– avverte-. Operazioni come quella di ieri sono il frutto di mesi di lavoro serio e attento. Le ingiustizie di decenni le stiamo spazzando via, ripristinando così legalità e i diritti dei cittadini. Ringrazio l’assessore Rosalba Castiglione, gli uffici del dipartimento Politiche abitative, la Procura e gli uomini e le donne della Polizia locale di Roma Capitale e della Polizia di Stato. La legalità torna al primo posto. Basta scroccopoli”.

8 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»