Emilia Romagna

Un film diverso a Natale? A Bologna per 3 giorni i migliori doc under 30

BOLOGNA – Arriva Natale e la programmazione dei cinema è tutto un alternarsi di commedie o di film commerciali che fanno il pienone al botteghino. Non al cinema teatro Galliera di Bologna dove, da venerdì 14 dicembre a domenica 16, andrà in scena l’undicesima edizione del ‘Docunder30‘, l’unico festival di cinema documentario in Italia dedicato ad autori al di sotto dei 30 anni. Quest’anno il festival avrà anche un’appendice fuori dal capoluogo, al cinema Boldini di Ferrara, il 19 dicembre.

Il festival, ideato da Der-Documentaristi Emilia-Romagna e organizzato in collaborazione con l’assessorato regionale alla Cultura, vedrà 13 film in concorso, due proiezioni speciali e tre masterclass su fotografia, montaggio e distribuzione con esperti del settore. Molteplici le tematiche affrontate dai giovani autori nelle due sezioni della rassegna.

Per la sezione ‘Global’ sono presenti un documentario sui narcotrafficanti in Messico, uno sulle migrazioni in Europa di ragazzini dal Marocco, ma anche quella di una cantante e sciamana di Città del Capo fino a quello in cui si vede una Venezia insolita, indagando il rapporto con l’acqua dei suoi abitanti. Una menzione particolare, durante la presentazione del festival, oggi, per ‘L’ultimo piano’, un corto di 12 minuti che racconta, attraverso lo sguardo totalizzante degli abitanti all’ultimo piano di un palazzo, tutta la realtà attorno, come un narratore onnisciente che ne osserva i cambiamenti.

Nella sezione ‘Intimacy’, invece, vengono analizzati temi maggiormente introspettivi come quello di una santona convinta di essere in grado di far guarire dai tumori, uno su Mirandola post sisma, un altro sulla conservazione dei corpi dopo la morte, oppure un altro sul cinema come forma di difesa dalla depressione.

Il premio per il miglior documentarista under 30 del festival ‘Docunder30’, sarà stabilito da una giuria presieduta da Germano Maccioni, regista de ‘Gli asteroidi’ appena uscito nelle sale, e dagli studenti del Dams di Bologna. Altre giurie saranno composte invece da alcuni studenti dei licei ‘Laura Bassi’ e ‘Lucio Dalla’ di Bologna ma anche da documentaristi del Der, di Kinodromo e di Doc/it. Il premio è di 1.000 euro, che consentirà al vincitore di potersi iscrivere alla selezione dell’Ecu, il festival europeo del cinema indipendente del 2018, tra i partner di Docunder30.

La visione dei film in concorso sarà gratuita, e alla fine delle proiezioni seguiranno gli incontri con gli autori che “illustreranno il processo di ideazione del documentario”, evidenzia Angelita Fiore, fra le organizzatrici della rassegna. I due film fuori concorso ‘Life, animated‘ di Roger Ross Williams (candidato all’Oscar 2017 per la sezione ‘Miglior Documentario’) e ‘Sono Guido e non Guido‘ di Francesco Maria Buonomo, saranno invece a pagamento e verranno proiettati allo spettacolo in prima serata.

di Giuseppe Gabrieli, giornalista

8 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»