Monica Bellucci difende Tornatore: "Con lui rapporto di amicizia e stima" - DIRE.it

Articoli

Monica Bellucci difende Tornatore: “Con lui rapporto di amicizia e stima”

ROMA – Monica Bellucci è arrivata ieri sera a Roma per ritirare il Premio Virna Lisi. A consegnare il riconoscimento alla bellissima attrice umbra è stato il premio Oscar Giuseppe Tornatore. Immancabilmente sono scattate le domande dei giornalisti, riguardo il polverone sollevatosi dopo le accuse al produttore americano Harvey Weinstein, che hanno portato molte attrici e soubrette italiane a raccontare la loro esperienza.

Leggi anche Attrici contro produttori, ecco l’identikit del molestatore seriale italiano

Anche in Italia a quanto pare, non mancherebbero personaggi che si sono approfittati della propria posizione per richiedere favori sessuali. Tra le tante dichiarazioni emerse, una ha destato particolarmente scalpore. Si tratta di quella dell’ex ragazza di “Non è la Rai” Miriana Trevisan che ha affermato di essere stata molestata proprio da Tornatore.

Il fatto sarebbe avvenuto vent’anni fa  quando i due si sarebbero incontrati per discutere di una parte nel film La leggenda del pianista sull’Oceano.

Leggi anche Miriana Trevisan: “Scappai da Tornatore, mi mise le mani sul seno”. Ma lui smentisce

Monica Bellucci ha difeso apertamente il cineasta che l’ha diretta in “Malena”, al quale dichiara di essere legata da un sincero rapporto d’amicizia ““Mi sono stupita, penso a lui e alla sua famiglia. Quel che conosco io è un uomo per cui ho grande affetto, stima, amicizia”, ha detto a La Repubblica.

Amicizia ribadita anche da Tornatore sul palco della sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica, dove ieri sera è avvenuta la premiazione. “Per me era obbigatorio essere qua. E’ stato un incontro bellissimo della mia vita professionale e non solo professionale, è nata un’amicizia, ci sentiamo sempre”, ha dichiarato il regista.

A chi chiede a Monica Bellucci se anche lei ha subito molestie sul luogo di lavoro, l’attrice risponde infastidita dalla domanda che ritiene inopportuna e aggiunge: “Anche prima di lavorare dovevo difendermi, da ragazzina, a scuola, come per strada dovevo difendermi di già. Le situazioni di potere scatenano comportamenti non corretti”. E sottolinea come questo fenomeno non sia circoscritto al solo mondo dello spettacolo, invitando le donne a imparare a difendersi sin da giovani.

 

 

8 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»