Politica

Evasione, in Sicilia arrestato il deputato De Luca (Udc). Era tra gli ‘impresentabili’

ROMA – Arrestato a due giorni dalla tornata elettorale che lo aveva riconfermato deputato per l’assemblea regionale della Sicilia. Questa mattina i finanzieri hanno bussato alla porta di Cateno De Luca per arrestarlo, insieme ai carabinieri di Messina sud. A ordinare l’arresto (ai domiciliari) è stato il gip di Messina: il deputato è accusato di essere il promotore di un’associazione per delinquere finalizzata alla realizzazione di un’evasione fiscale da un milione e 750 mila euro.

De Luca, nelle elezioni di domenica, era stato rieletto con l’Udc per un totale di 5.418 voti. Era nella lista dei cosiddetti ‘impresentabili‘ del centrodestra. La truffa di cui è accusato ha come perno la società Fenapi, tramite la quale sarebbe stato messo in piedi un sistema di false fatture per evadere imposte dirette e indirette. Coinvolta anche la Federazione nazionale autonoma piccoli imprenditori. Il giudice ha firmato sequestri nei confronti della società Fenapi, di De Luca e dell’altro arrestato, Carmelo Satta. Ci sono altre otto persone indagate.

UDC: FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA

“L’Udc ha appreso dalla stampa la notizia dell’arresto di De Luca. L’Udc ha avuto la massima diligenza nella formazione delle liste elettorali a tutela del partito e dei cittadini-elettori. Abbiamo chiesto a tutti i candidati dell’Udc e dei movimenti ad esso associati tra cui anche Sicilia Vera il certificato del casellario giudiziario e quello dei carichi pendenti a tutela dei cittadini e della onorabilità del Partito”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dall’Ufficio stampa nazionale Udc in merito all’arresto del deputato regionale Cateno De Luca per evasione fiscale.

Abbiamo fiducia nella magistratura che siamo certi porterà all’accertamento della verità e siamo convinti che De Luca sarà in grado di chiarire i fatti e di dimostrare la sua innocenza”, conclude la nota.

LEGGI ANCHE: Quando De Luca rimane in mutande all’Assemblea regionale della Sicilia

8 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»