Renzi: Non ho l'ansia della poltrona. No veti su alleanze, ma per D'Alema dovrei darmi fuoco" - DIRE.it

Politica

Renzi: Non ho l’ansia della poltrona. No veti su alleanze, ma per D’Alema dovrei darmi fuoco”

ROMA – “Da un po’ di tempo vengo dipinto come quello che vuole per forza tornare a Palazzo Chigi. Ma io ho un lavoro. E mi occupo anche del Pd, com’è normale che sia. Non ho l’ansia di dover per forza tornare lì a occupare la poltrona”, ha detto Matteo Renzi ieri sera intervistato a Dimartedì su La7. Spiegando invece che il suo vero timore è il fatto che il “paese possa tornare indietro. Al meno due per cento di crescita”.

Quanto alla discussione sul “potenziale premier”, per Renzi è una discussione “sterile”. Perchè il potenziale premier lo sceglie il Parlamento”, dopo le elezioni, e a dargli l’incarico “è il presidente della Repubblica”.

IL PD DA RICUCIRE E LE POTENZIALI ALLEANZE

“Io mi rivolgo a tutti senza veti. D’Alema mi sta dicendo che io mi devo dare fuoco in piazza? Qual è la proposta di D’Alema? L’accontenterei, ma mi sembra un poco eccessivo”, ha detto Renzi.

“TORNA BLADE RUNNER, TORNA ANCHE BERLUSCONI”

“Berlusconi sta provando il grande ritorno. Quest’anno hanno fatto il ritorno Blade runner, 35 anni dopo. Twin peaks e Trainspotting. Capisco che si sia convinto di poter tornare anche lui”, dice Renzi.

L’AUTOCRITICA: SONO SEMBRATO TROPPO VICINO AI POTERI

“Nel nostro elettorato la percentuale più alta” di delusi “e’ quella di chi dice: ‘siamo stati troppo amici di quelli che hanno potere'”, ha detto Renzi a Dimartedì. Aggiungendo: “Mi dicono: ‘caspita ti sei fatto poco vedere nei luoghi del dolore’. La cosa in cui io ho sbagliato e’ l’approccio. Ho dato l’impressione di essere molto attento ai poteri importanti. E’ un problema di comunicazione mio. Ma quando sono andato a Torino, sono andato anche al Cottolengo…”.

A DI MAIO AVREI CHIESTO PERCHE’ ASSENTE A VOTI CAMERA

“Avrei chiesto volentieri a Di Maio perchè ha partecipato solo al 30 per cento delle votazioni” alla Camera. “Giachetti che è vicepresidente come lui ha l’86 per cento delle presenze”, ha affermato Renzi.

“IO NON HO SCHELETRI NELL’ARMADIO, VISCO? L’AVREI CAMBIATO”

“Chi ha paura delle alte burocrazie, è perchè ha scheletri nell’armadio. Sia chiaro: il sottoscritto non ne ha. In questo paese hanno spolpato Monte Paschi di Siena. Tutti zitti i controllori, tutti zitti i giornalisti, tutti zitti gli opinionisti…”, ha detto Renzi a La7 a proposito del caso Visco-Bankitalia.

A proposito del governatore di Bankitalia, Renzi aggiunge: “Se fossi stato il presidente del consiglio io, l’avrei cambiato. Ma contemporaneamente ho rispetto per Paolo Gentiloni che ha tutti i titoli per fare una cosa diversa”.

8 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»