Intervista a Franca Alessandra Casali

franca_alessandra_casali

Nome: Franca Alessandra

Cognome: Casali

Luogo e data di nascita: Milano, 04/03/73

Professione: Manager

Residenza a San Marino: a Milano

Domicilio a San Marino: a Murata da ottobre 2016

Eventuale/i altra/e cittadinanza/e: Italiana

Partito: Psd

1) Cominciamo dalla legislatura ormai volta al termine. Può dirci cosa, secondo la sua opinione, ha funzionato bene e cosa no o comunque meno? Per quali ragioni?

In relazione al fatto che io viva in Italia, la mia percezione è più legata al rapporto Italia San Marino.

Ciò che di seguito dico è in funzione di quanto appreso tramite amicizie personali e fonti pubbliche.

Ritengo che abbia funzionato bene la prima versione della normativa incentivi per le imprese fino al decreto del febbraio 2016. Ritengo pero’ che introdurre l’elemento dell’assunzione di dipendenti per ottenere incentivi e legarlo a livelli di fatturato, potrebbe essere un errore.

Se vogliamo attirare soggetti qualificati e che possano portare ricchezza e benessere al nostro paese, sarebbe utile predisporre un ambiente fertile e favorevole, per costituire impresa e fare investimenti, cioe’ identificare n piano concreto di attrazione e creare l’ambiente idoneo per le imprese che si vogliono attrarre

2) Nella prossima legislatura, quali sono i tre punti prioritari che la nuova maggioranza dovrà mettere al centro dell’agenda politica nei primi 100 giorni? Perché?

Ritengo fondamentale che il governo nei primi 100 giorni ponga un estremo interesse

1.alla figura della donna nel nuovo millennio. Con la crisi economica molte donne si sono ritrovate in estrema difficoltà, in quanto oltre a dover affrontare una vita professionale e lavorativa non sempre paritetica, ed estremamente competitiva, si trovano spesso ad affrontare la “genitorialità” da sole in un ambiente ancora oggi maschilista e poco propenso alla uguaglianza.

2.identificazione di uno sviluppo eco sostenibile e della vocazione economica del paese, per assumere la costruzione di un nuovo ciclo di sviluppo del territorio. Si dovrà partire dalla identificazione dei fattori critici per il successo delle imprese, dei professionisti, dei talenti che operano nei settori scelti, dalla individuazione delle competenze distintive che abbiamo sul territorio e gli altri elementi di forza su cui possiamo competere, in modo da colmare i gap esistenti, capire la nostra capacita di supportare le imprese e le persone a presidiare i propri fattori critici di successo. In sintesi di dovrà poter rispondere alle seguenti domante:

  • Quali fattori sono critici per il successo delle imprese, dei professionisti, dei talenti che operano nei settori scelti?

  • Quale vocazione economica assumere a riferimento per la costruzione di un nuovo ciclo di sviluppo del territorio?

  • Quali sono le competenze distintive che abbiamo sul territorio e gli altri elementi di forza su cui possiamo competere? Quali sono invece da migliorare?

  • Come possiamo competere: cosa forniamo di essenziale alle imprese e alle persone per aiutarli a presidiare i propri fattori critici di successo??Quali sono invece da migliorare?

3.alla predisposizione di un programma di sviluppo, che sia la sintesi dei punti sopra esposti.

3) Ci sono delle tematiche politiche che sente maggiormente vicine e per le quali desidera impegnarsi in prima persona? Come mai?

Ritengo fondamentale per il paese attuare una o più strategie a seconda della vocazione economica prescelta. Quindi fondamentale definire Su quali settori e segmenti puntare, rispondendo alla domanda chiave: Quali sono i più convenienti in termini di dimensioni assolute, tendenze alla crescita, redditività per gli investitori, potenziale impatto per il territorio (PIL; occupazione; tasse ecc.) ?

4) In questa fase si parla sempre più di sviluppo dell’economia del Paese ma il concetto è legato all’idea di sviluppo che ognuno ha. Secondo la sua, quali sono le direzioni da seguire per ottenere i traguardi in tale ambito? A cosa non bisogna rinunciare per farlo?

Ho già risposto nelle domande precedenti ma qui provo nuovamente a sintetizzare l’argomento.

Parlare di sviluppo economico significa

5) Qual è il convincimento che ha maturato in questi anni nel rapporto che sarebbe giusto si instaurasse tra San Marino e Unione Europea?

E’ una difficile valutazione che presuppone analisi di dettaglio e il coinvolgimento di un piano tecnico.

Ritengo e che rimanere al di fuori dell’Unione Europea, per un micro stato con la Repubblica di San Marino, sia ormai anacronistico, anche se sarà necessario muoversi con estrema cautela, per non perdere le nostre peculiarità.

6) Nella storia di San Marino, anche recente, c’è una figura politica a cui si ispira o almeno in cui si riconosce per ideali e valori?

Purtroppo a questo faccio fatica a rispondere e per questo motivo mi candido.

7) Nello scenario politico internazionale, attuale o passato, c’è un personaggio di cui stima l’azione politica? Se si, per quali motivi?

Purtroppo a questo faccio fatica a rispondere e per questo motivo mi candido. Sono una persona di competenze e valori e ho accettato di candidarmi perché posso fare la differenza

8) Ci sono delle esperienze nella sua formazione, nel suo lavoro, nella sua vita (anche politica) che considera propedeutiche o comunque importanti per svolgere nel migliore dei modi il mandato per cui si candida?

Credo che la mia formazione, la mia preparazione, e la mia qualifica professionale, possono essere di estremo aiuto per la Repubblica di San Marino soprattutto per lo sviluppo di strategie vincenti, per la creazione di contatti con grandi gruppi aziendali che possono essere interessati a investire a San Marino. Per attirare tali imprese occorre predisporre un terreno fertile, e un paese con normative adeguate.

9) Ci sono momenti in cui si sente orgoglioso del suo Paese? Quando l’ultima volta?

10) Quali sono gli aspetti del suo carattere che ritiene maggiormente importanti per fare politica?

Determinazione, rettitudine, onestà, e professionalità sono tutti aspetti del mio carattere che ritengo indispensabili per poter svolgere una vita politica degna di tale nome.

11) Quando è nata nella sua vita l’aspirazione all’impegno politico con lo spirito di servizio per la nostra Repubblica? É giunta legata a un fatto scatenante particolare o si è costruita gradualmente nel tempo?

E’ nata nel tempo perché sempre fortemente collegata con gli affetti alla Repubblica: partendo dagli scambi culturali alla partecipazione attiva al consiglio della comunità di Milano, alla quale a causa della mia candidatura ho necessariamente e correttamente sospeso la mia presenza.

Anche se vivo e lavoro infatti a Milano, la Repubblica di San Marino ha sempre mantenuto un posto speciale nel mio cuore. Ho sempre cercato di mantenere vivi i legami con la mia terra natale, e quando mi si è presentata l’occasione, hanno chiesto il mio aiuto per la formazione del nuovo governo, non ho potuto far altro che rispondere affermativamente. È un privilegio per tutti cittadini poter contribuire attivamente al proprio paese.

12) Nella sua vita privata, anche passata, ci sono delle passioni (sport, hobbies, interessi) che ha coltivato e che hanno lasciato il segno dentro di lei? Se si, quali insegnamenti ne ha ricavato?

Essere onesti, diretti e corretti aiutando gli altri è il miglior modo per vivere e per sentirsi bene con se stessi

13) Con la preferenza unica crediamo che gli elettori valuteranno la competenza, le capacità del candidato, le sue motivazioni e l’entusiasmo. Cosa può dire a proposito riguardo le sue?

Sono d’accordo, anche se devo ammettere che verranno penalizzate le persone per vari motivi non in grado di farsi conoscere premiando ancora una volta i politici, il cambiamento deve essere mentale, si devono eleggere le persone che possano essere utili al paese grazie alle loro capacità e competenze, solo attraverso l’attrazione dei talenti possiamo sperare in un cambiamento.

8 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»