Busta con proiettili a Falcomatà, lui: "Non arretreremo di un passo"/VIDEO - DIRE.it

Calabria

Busta con proiettili a Falcomatà, lui: “Non arretreremo di un passo”/VIDEO

falcomatà3ROMA  – “Questo è l’ennesimo atto rivolto all’Amministrazione e alla mia persona, la notizia è di qualche giorno fa ma e’ stata resa pubblica proprio stamane. Ritengo che questa città non ha bisogno di vittimismi, non ha bisogno di persone che giocano agli eroi”. Così Il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, in merito all’intercettazione di una busta postale a lui indirizzata e contendente alcuni proiettili.

“In questa città- prosegue- ci sono tante brave persone che combattono purtroppo contro chi questa terra vorrebbe che rimanesse sempre indietro. Non arretreremo di un passo ma naturalmente ancora di più è importante che la città e la collettività che ha a cuore questa città non rimanga silente e reagisca, nel suo piccolo, e porti avanti quel percorso di legalità e trasparenza, quel contrasto alle corruzioni e abusivismi che con tanta difficoltà in questa città come politica e istituzioni stiamo cercando di fare”.

“Chi fa il Sindaco a queste latitudini- aggiunge il Sindaco di Reggio Calabria- mette in conto che questo può accadere. Questa è un’evoluzione rispetto alle precedenti lettere che sono arrivate al mio indirizzo. Adesso sta agli inquirenti capire la natura e fare tutte le indagini del caso. Piena fiducia nel loro lavoro” chiude Falcomatà.

DECARO (ANCI): SOLIDARIETA’ ALL’AMICO FALCOMATA’

“All’amico e collega Falcomatà ho espresso tutta la solidarietà mia personale e quella dei sindaci italiani. Un atto vigliacco che non fermerà il lavoro intrapreso da un sindaco giovane e coraggioso del Mezzogiorno qual è Giuseppe”. Lo ha affermato il presidente dell’Anci Antonio Decaro, che questa mattina ha sentito telefonicamente il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà per esprimere la sua solidarietà alla luce dell’ultimo atto intimidatorio risalente a qualche giorno fa che ha colpito il giovane sindaco della città calabrese. Al sindaco Falcomatà era indirizzata una busta contenente proiettili intercettata dall’ufficio postale cittadino. “Sei un esempio per tutti noi- ha detto il presidente Decaro al sindaco calabrese- e non ti lasceremo solo perché come te ci sono tanti altri sindaci che subiscono queste intimidazioni e che non smettono di fare il proprio dovere in nome della legalità e dei cittadini che rappresentano. Nei primi 5 mesi del 2016, secondo Avviso Pubblico, sono stati 180 gli amministratori minacciati, con una media di una minaccia ogni 18 ore. Questo- ha rimarcato Decaro- non è un fenomeno che interessa solo i Comuni delle regioni meridionali, anche se i sindaci del sud Italia sono ancora quelli più esposti e colpiti. Sono proprio i sindaci le figure direttamente interessate dagli atti intimidatori o, nei casi più estremi, da attentati. Quegli stessi sindaci, sempre più spesso, scelgono di restare al loro posto”.

“Purtroppo come rilevano i rapporti nazionali e locali- ha aggiunto Decaro- la criminalità organizzata tenta di infiltrare i propri affari su svariate diramazioni dell’economia locale: dagli abusi edilizi, alla gestione degli appalti per lo smaltimento dei rifiuti, all’edilizia popolare, alle estorsioni nei confronti delle attività commerciali e mercatali. E paradossalmente, così come per i cittadini, anche per le mafie il sindaco diventa la prima figura di riferimento”. “Oggi- conclude Decaro- ho chiesto a Giuseppe Falcomatà di non mollare, di continuare ad avere fiducia nelle istituzioni e per questo, come presidente Anci, chiederò ancora più forte al Governo e ai gruppi parlamentari di velocizzare l’iter per approvare il Ddl per il ‘Contrasto intimidazioni amministratori locali’, che amplia e modifica le norme penali per tutelare più efficacemente gli amministratori locali vittime di intimidazioni e minacce mafiose”.

BOLDRINI CHIAMA FALCOMATA’: SOLIDARIETA’

“Ho chiamato sindaco Reggio Calabria Falcomata’ vittima di gravi minacce per ribadire la mia vicinanza e invitarlo a non farsi intimidire”. Lo scrive su twitter la presidente della Camera Laura Boldrini.

COVELLO: SOLIDARIETÀ, FALCOMATÀ NON SARÀ LASCIATO SOLO

“Piena solidarietà personale e politica a Giuseppe Falcomatà Sindaco di Reggio Calabria per le minacce ricevute”. Lo dichiara Stefania Covello, deputata e responsabile Mezzogiorno del Partito democratico. “In due anni di mandato- continua- purtroppo non è la prima volta che il bravissimo amministratore della città è oggetto di atti intimidatori. Il suo lavoro, la sua tenacia, il suo amore per Reggio non potranno mai essere ostacolati da gesti così vili. Sono episodi che non vanno sottovalutati e ci auguriamo che gli inquirenti e le autorità preposte individuino i responsabili”. “Giuseppe non sarà lasciato solo perché è un uomo onesto e capace, e perché è un esempio per tanti amministratori che quotidianamente nella nostra terra sono costretti a fronteggiare illegalità e criminalità”, conclude.

OLIVERIO: FORTE SOLIDARIETÀ AL SINDACO FALCOMATA’

“Forte e sentita solidarietà al sindaco Giuseppe Falcomata’ di Reggio Calabria, vittima di una grave intimidazione”, la esprime il deputato calabrese del Pd Nicodemo Oliverio che aggiunge: “L’invio di una busta con proiettili a lui indirizzata è il segnale tangibile di trovarci di fronte a una sindaco la cui opera di trasparenza e di forte innovazione va ad urtare con gli interessi di chi vuole invece tenere la comunità calabrese sotto la pressione della barbarie e della criminalità. Gesti vergognosi come questi- conclude Oliverio- non fermeranno di certo Falcomata’, uomo coraggioso e ben determinato nell’amministrare la propria città nel segno di una ripresa economica e culturale e siamo sicuri che le forze di polizia faranno al più presto luce sui responsabili dell’accaduto”.

FALCOMATA’: GRAZIE DI CUORE PER LA VICINANZA

“Grazie di cuore per la vicinanza. Camminiamo insieme, senza arretrare di un millimetro. Il cammino è lungo ma la strada è quella giusta”. Lo scrive su twitter Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria.

LEGGI ANCHE

Falcomatà: “L’Italia non riparte se non riparte il Sud”

8 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»