Il lavoro in DIREtta - Le notizie dal territorio - DIRE.it

Il lavoro in DIREtta – Le notizie dal territorio

Il mondo del lavoro e non solo. Ogni giorno in Italia il tema dello sviluppo economico, dei rapporti tra imprenditori e lavoratori assume i contorni piu’ diversi.
Qui la ragione di ‘Lavoro in DIREtta’ lo speciale della Dire in collaborazione con i colleghi di Rassegna (www.rassegna.it).
Buona lettura.

BOLOGNA, DOMANI SCIOPERO E PRESIDIO ALLA FARMALVARION –  Si svolge domani, venerdì 9 ottobre, a Bologna, lo sciopero dei 130 lavoratori della FarmAlvarion, ex dipendenti di Afm passati a FarmAlvarion a per cessione di ramo d’azienda. In occasione dell’astensione dal lavoro, spiega un articolo dell’edizione bolognese del ‘Corriere della Sera’, i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno organizzato alle ore 10 un presidio davanti al magazzino Afm (via del Commercio Associato). A motivare la protesta, l’estrema incertezza sul futuro dell’azienda.

SCUOLA, CGIL FRIULI: CON STUDENTI IN PIAZZA CONTRO RIFORMA – Piena adesione alle manifestazioni indette per domani dalla Rete degli studenti medi per protestare contro la legge sulla ‘Buona scuola’. Ad esprimerla Adriano Zonta, segretario generale della Flc del Friuli, che ribadisce il pieno sostegno alle rivendicazioni degli studenti, “i più direttamente colpiti da una riforma che, a dispetto dei titoli e degli slogan, peggiora la qualità della scuola pubblica nel nostro Paese”. Le manifestazioni indette dagli studenti per domattina a Udine e Pordenone, quindi, vedranno sfilare anche le bandiere e gli striscioni della Cgil. Ma altre iniziative sono già in agenda per le prossime settimane, di un mese tutto all’insegna della mobilitazione. Il 15 e il 22 ottobre toccherà rispettivamente ai dirigenti scolastici e agli Ata, con due manifestazioni nazionali unitarie, proclamate a una settimana di distanza una dall’altra da Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda, cui seguirà, sabato 24, una giornata di protesta di tutti i lavoratori della scuola, anch’essa unitaria, con manifestazioni sull’intero territorio nazionale, Friuli compreso.

FP CGIL BOLOGNA: IN PERICOLO I POSTI DI LAVORO A VILLA STELLA – “Ancora nessuna risposta chiara da parte del gestore e della proprietà dell’azienda in merito alla situazione di Villa Stella, residenza per anziani a Castel dell’Alpi, in Comune di San Benedetto Val Sambro. Sappiamo solo che le lavoratrici hanno ricevuto comunicazione dall’attuale gestione che il contratto d’affitto d’azienda si concluderà il 31 ottobre, senz’altra proposta da parte né dalla attuale gestione né dalla proprietà dell’azienda. Ci è stato comunicato che il servizio è in dismissione, incluso il rischio di spostare e rimuovere mobili e suppellettili. Temiamo che l’attuale gestore voglia abbandonare la situazione trasferendo in altra struttura i 29 ospiti, creando una situazione di fatto impossibile da gestire e determinando la chiusura della struttura, anche perché non abbiamo notizia né comunicazione formale di eventuali subentranti”. E’ quanto riportato in un comunicato stampa della Funzione Pubblica Cgil di Bologna.  “E’ una situazione gravissima- continua la nota- che giunge al termine di 2 anni sofferti in cui si sono succedute ben tre gestioni aziendali diverse, senza che nessuno riuscisse a risanare definitivamente Villa Stella. Pensiamo che nessuno di questi imprenditori si sia veramente posto questo obiettivo, e non possiamo attendere un miracolo. Oggi abbiamo inviato alle società, al Comune di San Benedetto Val di Sambro e alla Prefettura una richiesta di incontro e abbiamo dichiarato l’apertura dello stato d’agitazione del personale, con l’obiettivo di dichiarare a breve uno sciopero”.

NAPOLI: 9/10 MANIFESTAZIONE LAVORATORI SANITÀ ACCREDITATA – Domani, venerdì 9 ottobre alle ore 16 al largo Berlinguer a Napoli, manifestazione dei lavoratori della sanità accreditata, promossa dalla Funzione Pubblica Cgil. Previsti gli interventi del segretario generale della Cgil Campania, Franco Tavella e del segretario generale nazionale della Fp Cgil, Rossana Dettori. “In tutti questi anni di crisi e commissariamento- si legge in una nota diffusa dalla Cgil e dalla Fp- i lavoratori e i cittadini hanno pagato un prezzo altissimo. Ora basta, è necessario un intervento forte della Regione Campania che preveda una vera riorganizzazione degli assetti sanitari, a partire da un riequilibrio tra pubblico e privato accreditato. Licenziamenti discriminatori, licenziamenti collettivi, contratti pirata, turni massacranti, cittadini lasciati per mesi privi delle convenzioni perché i tetti di spesa vengono fagocitati entro luglio, anni di proteste e di proposte inevase. Sono queste le motivazioni che hanno portato la Fp e la Cgil a organizzare una prima mobilitazione che proseguirà la settimana prossima con diversi scioperi proclamati nelle strutture della provincia di Napoli”.

GENOVA: DOMANI MANIFESTAZIONE COMPARTO GAS ACQUA – Domani, venerdì 9 ottobre 2015 dalle ore 9 i lavoratori edili del comparto gas e acqua di Genova manifesteranno sotto la sede di Iren in Via SS. Giacomo e Filippo. La protesta è organizzata a sostegno della pesante vertenza che da mesi stanno portando avanti le organizzazioni sindacali del settore nei confronti del Comune di Genova e delle aziende appaltanti, principalmente Iren e Mediterranea delle Acque.

COOP: DOMANI ATTIVO DI FILCAMS, FISASCAT E UILTUCS UMBRIA – Domani, venerdì 9 ottobre, presso il Park Hotel di Ponte San Giovanni (Perugia), dalle 9.30, si terrà l’attivo regionale di lavoratrici e lavoratori della distribuzione cooperativa (Coop centro Italia e coop Mmc), promosso da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil dell’Umbria. L’assemblea è stata convocata dopo la rottura del tavolo di trattativa per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro, scaduto da 22 mesi, e in previsione degli scioperi proclamati per il 7 novembre e il 19 dicembre, che coinvolgeranno anche i lavoratori della grande distribuzione, in seguito all’altra rottura della trattativa con Federdistribuzione.

8 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»