Emilia Romagna

Esplosione Bologna, caos traffico in A14: arrivano i vigili dalle altre città

BOLOGNA – Il Comune di Bologna chiama, le altre città dell’Emilia-Romagna rispondono. E’ il presidente dell’Anci dell’Emilia-Romagna, Michele De Pascale, a raccogliere l’appello di Palazzo D’Accursio dopo lo scoppio che ha squarciato la tangenziale-autostrada aprendo un enorme problema di viabilità nel capoluogo regionale.

“Fin dal pomeriggio di lunedì- scrive De Pascale in una lettera agli altri sindaci- ho espresso la disponibilità dei Comuni dell’Emilia-Romagna ad affiancare la Regione e il Comune di Bologna nelle azioni straordinarie che saranno necessarie. Sono certo che i Comuni della nostra Regione saranno all’altezza della propria tradizione solidaristica, come è stato in tutte le emergenze di Protezione Civile”.

In queste ore il sindaco di Bologna Virginio Merola, il presidente della Regione Stefano Bonaccini e l’assessora regionale Paola Gazzolo “mi hanno rappresentato come prima necessità quella di inviare uomini e donne della Polizia Municipale a supporto del lavoro di regolazione della mobilità della Polizia municipale di Bologna, con il coordinamento di Anci Emilia Romagna, Regione e Comune di Bologna. Nelle prossime ore invieremo alla vostra attenzione le indicazioni operative”.

Ma lo stesso gesto è richiesto anche alle altre città. “Sono certo- dice De Pascale rivolto ai colleghi primi cittadini- che ognuno di voi farà il possibile, compatibilmente con l’esigenza di non sguarnire i propri territori, per dare una mano alla nostra Bologna, colpita così duramente dallo spaventoso incidente di lunedì”.

E proprio rimarcando il ruolo dei vigili urbani nel fronte dello “spaventoso incidente”, la Uil-Fpl spera “che venga messa la parola fine alle continue critiche e considerazioni negative che quotidianamente colpiscono i lavoratori del pubblico impiego da parte di detrattori che pensano in tal modo di raccogliere facile consenso politico”.

Al tempo stesso, dicono il coordinatore regionale della Polizia locale e il segretario generale della Uil-Fpl, Roberto Nanetti e Paolo Palmarini, “ci auguriamo che le amministrazioni comunali e tutte le forze politiche della nostra Regione abbiano inteso l’enorme risorsa umana insita nei Corpi di Polizia municipale e che s’impegnino a livello nazionale per dare finalmente maggiore riconoscimento e dignità alle donne e agli uomini delle Polizie locali che, nel Paese, ad ogni ora e per tutti i giorni dell’anno sono al servizio dei cittadini”.

L’incidente di martedì, ricordano i due sindacalista, “ha nuovamente messo alla prova la capacità reattiva ed organizzativa di tutta la macchina comunale ed in particolar modo delle donne e degli uomini di Polizia Municipale” ed è oggi “sotto gli occhi di tutti la dimostrazione delle alte capacità professionali, del notevole spirito di servizio e l’abilità gestionale di coloro che hanno coordinato tutto l’intervento. Un servizio, durato decine di ore, ovviamente inaspettato e con conseguenze e problematiche alla circolazione stradale non facilmente prevedibili che sono state superate soprattutto grazie alla preparazione ed alla prontezza degli appartenenti al Corpo di Polizia municipale”.

LEGGI ANCHE:

Esplosione Bologna, nessun disagio per la viabilità in A1, A13 e A14

Bologna, esplode camion cisterna a Borgo Panigale: 1 morto e 145 feriti

Eplosione in A14, Comune Bologna stima 10 milioni di euro di danni

Esplosione Bologna, Conte visita i feriti: “Non deve mai più ripetersi”

Esplosione Bologna, fuori pericolo i due ustionati ricoverati a Cesena

Bologna, ecco il video dell’incidente che ha causato l’esplosione a Borgo Panigale

 

 

 

8 agosto 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»