Marche, 680.000 in vacanza, e il 75% le ha già programmate - DIRE.it

Marche

Marche, 680.000 in vacanza, e il 75% le ha già programmate

vacanze

ANCONA – Torna la voglia di vacanza tra i marchigiani. Per le ferie estive partiranno in 680.000 quest’anno: il 17,8% in più rispetto all’anno scorso. E’ quanto emerge dall’annuale rapporto condotto da Sigma Consulting-Trademark Italia sulle vacanze dei marchigiani giunto ormai alla sua quarta edizione. Il sondaggio, condotto su un campione di 800 casi equamente distribuiti tra tutte le province marchigiane, rileva che già 510.000 persone (39% dei residenti) hanno pianificato le proprie ferie mentre 170.000 (13%) devono ancora decidere tempi e destinazioni.

cartina_viaggioRispetto al 2015 circa 110.000 vacanzieri in più (+17,8%). Il 48% dei marchigiani, pari a circa 620 mila persone, non farà invece vacanze. In calo rispetto all’anno scorso quando a restare a casa fu il 56% dei cittadini. “A inizio estate 2016- spiegano alla Dire i responsabili della ricerca per i due istituti Alberto Paterniani e Aureliano Bonini- il rilancio delle vacanze estive, partito con l’inversione di tendenza dell’anno scorso, sembra ormai strutturale. Più di un marchigiano su due tornerà a guardare alla vacanza come ad un consumo irrinunciabile: un atteggiamento antropologico solo in parte sostenuto da Pil positivo e ripresa dell’occupazione”.

balneari_spiaggia_mare_vacanzeQuanto alle mete preferite il sondaggio certifica che i marchigiani preferiscono le destinazioni italiane e che qualora optino per l’estero guardano più volentieri a Occidente che a località più esotiche. Il 66% dei rispondenti (+4% rispetto al 2015) opterà per l’Italia mentre il 34% si orienterà su una destinazione estera (in calo rispetto al 2015 quando furono invece il 38%). In merito alla tipologia di destinazione preferita, si conferma il traino delle destinazioni balneari anche se in calo rispetto all’anno passato. Il 42% sceglie il mare, il 29% le città d’arte, il 18% la montagna, il 7% itinerante, il 4% altre località.

di Luca Fabbri, giornalista professionista

8 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»