L'annuncio del Papa: presto 15 nuovi santi e beati - DIRE.it

Vaticano

L’annuncio del Papa: presto 15 nuovi santi e beati

San Pietro_ChiesaROMA – Papa Francesco ha ricevuto oggi in udienza privata il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Nel corso dell’udienza Francesco ha autorizzato la Congregazione a promulgare i decreti riguardanti 15 nuovi santi e beati, tra cui sette missionari e un laico uccisi “in odio alla fede” e un parroco.

I decreti, nel dettaglio, riguardano il miracolo, attribuito all’intercessione del venerabile servo di Dio Luigi Antonio Rosa Ormieres, sacerdote e fondatore della Congregazione delle Suore del Santo Angelo Custode, nato il 4 luglio 1809 e morto il 16 gennaio 1890; il martirio dei servi di Dio Antonio Arribas Hortiguela e sei Compagni, missionari del Sacro Cuore di Gesu’, uccisi in odio alla fede il 29 settembre 1936; il martirio del servo di Dio Giuseppe Mayr-Nusser, laico, ucciso in odio alla fede il 24 febbraio 1945; le virtu’ eroiche del servo di Dio Alfonso Gallegos, dell’Ordine degli Agostiniani Recolletti, vescovo titolare di Sasabe, ausiliare di Sacrament, nato il 20 febbraio 1931 e morto il 6 ottobre 1991; a seguire Raffaele Sanchez Garcia, sacerdote diocesano, nato il 14 giugno 1911 e morto l’8 agosto 1973, Andrea Filomeno Garcia Acosta, laico professo dell’Ordine dei Frati Minori, nato il 10 gennaio 1800 e morto il 14 gennaio 1853, Giuseppe Marchetti, sacerdote professo della Congregazione dei Missionari di San Carlo, nato il 3 ottobre 1869 e morto il 14 dicembre 1896, Giacomo Viale, sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori, parroco di Bordighera, nato il 28 febbraio 1830 e morto il 16 aprile 1912 e infine Maria Pia della Croce (al secolo: Maddalena Notari), fondatrice della Congregazione delle Suore Crocifisse Adoratrici dell’Eucaristia, nata il 2 dicembre 1847 e morta l’1 luglio 1919. (www.agensir.it)

8 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»