Governo, Bernaudo: “Avanti con la flat tax per le partite Iva”

ROMA – “La nostra proposta in campo da due anni per una imposta omogenea del 15% estesa a tutte le attività produttive/ partite Iva è in linea con la proposta di flat tax per le imprese evocata dall’attuale maggioranza al Governo. E quando il Pd dice di aver già fatto la flat tax – per quanto riguarda le partite Iva – non è vero”. Così il presidente di Sos partita Iva, Andrea Bernaudo, interviene sul dibattito intorno alla proposta di introdurre la flat tax contenuta nel ‘contratto’ di governo 5 Stelle-Lega.

“Superato il regime forfettario dei minimi, peraltro triplicato al 15% dal precedente Governo- spiega il presidente di Sos partita Iva dalla fanpage Facebook dell’associazione- cioè superata la soglia di sopravvivenza intorno ai 30.000 euro di fatturato lordo, in Italia se ti azzardi a fatturare e a produrre lo stato ti massacra fino al 48% di tasse (Irpef e addizionali varie) e al 25% di contributi previdenziali. Si parla di circa il 64% di total tax rate. Questo è il trattamento che lo stato italiano al momento riserva ai lavoratori autonomi, ditte individuali, professionisti, artigiani e commercianti. Il resto sono falsità”.

“Per questo il 15 giugno ci siamo dati appuntamento in Veneto- conclude- terra di partite Iva e imprese, per iniziare a potenziare la nostra rete territoriale di comitati, oramai presenti in tutta Italia. È ora di voltare pagina, verificheremo se questo governo vorrà farlo sul serio”.

8 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»