Anthony Bourdain, cuoco e scrittore di fama internazionale, è morto suicida a 61 anni

ROMA – Anthony Bourdain, cuoco e scrittore statunitense fidanzato con Asia Argento, è morto oggi all’età di 61 anni. Secondo la CNN, l’emittente per cui lavorava, Bourdain si è tolto la vita.

“E’ con estrema tristezza che dobbiamo confermare la morte del nostro amico e collega, Anthony Bourdain”, scrive la CNN in un comunicato. “Il suo amore per le grandi avventure, le nuove amicizie, il cibo e le indimenticabili storie dal mondo ne hanno fatto un narratore unico. Il suo talento non cesserà di stupirci e ci mancherà moltissimo. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono ora rivolte alla figlia e alla sua famiglia”.
Bourdain era un maestro, prima nella cucina poi sui media. Atraverso i suoi show televisivi e i suoi libri, ha esplorato la condizione umana e aiutato il grande pubblico a vedere in maniera differente il cibo, i viaggi e se stessi. Lungo la sua carriera, ha vinto tutti i premi che l’industria poteva offrirgli.

Nel 2000 pubblica Kitchen Confidential. Avventure gastronomiche a New York, resoconto di ciò che può accadere nelle cucine di famosi ristoranti americani. Il suo articolo Don’t Eat Before Reading This, pubblicato sul New Yorker nel 1999, ha attirato l’attenzione dei media statunitensi e inglesi e ha gettato le basi per la sua serie TV Anthony Bourdain: Viaggio di un cuoco, trasmesso in Italia sul canale Discovery Travel & Living e successivamente su RaiSat Gambero Rosso. La serie lo vede in viaggio alla ricerca di ricette in tutto il mondo. Partendo da questa trasmissione, nel 2001 ha scritto Il viaggio di un cuoco, vincitore nel 2002 del premio Guild of Food Writers Award for Food Book of the Year.

Bourdain è inoltre autore di due romanzi gialli: Bone in the Throat (1995), pubblicato in Italia nel 2007 per Marsilio, e Gone Bamboo, pubblicato nel 1997. Bourdain ha pubblicato nel 2004 Les Halles Cookbook, guida alla cucina classica da ristorante, con ricette da lui apprese nei suoi anni di lavoro come chef nei ristoranti di New York e nei numerosi viaggi. Del 2013 Avventure agrodolci per Feltrinelli

8 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»