#FuturaBrindisi, conclusa la tappa pugliese; ‘La schiena va a scuola’ con Aifi Lombardia

TG-Scuola

#FuturaBrindisi, conclusa la tappa pugliese; ‘La schiena va a scuola’ con Aifi Lombardia

#FuturaBrindisi, conclusa la tappa pugliese
E’ giunta a conclusione la tre giorni per il Piano Nazionale Scuola Digitale indetto dal Miur, che ha fatto tappa a Brindisi. Giovani provenienti da tutta la Puglia si sono riuniti per presentare le loro idee, proposte e progetti sulla sostenibilità del territorio e l’innovazione della scuola. Molteplici le iniziative in cui i ragazzi, supportati dai loro professori, hanno preso parte attiva. Convegni, workshop, laboratori e sfide all’insegna dell’innovazione.

#Futura arriva a Rieti
Fino al 9 giugno #Futura arriva Rieti. Per l’occasione è stata lanciata anche la campagna #FuturAcqua. Ecco la video intervista a Rosella Pasquali dell’IIS Rosatelli di Rieti:

‘La schiena va a scuola’ con Aifi Lombardia
Se il mondo della scuola non fa attenzione alla schiena, costringe la schiena ad andare a scuola a spiegare la propria importanza. Questo l’obiettivo promosso e centrato da Aifi Lombardia, l’associazione di fisioterapisti lombardi, che con la seconda edizione dell’iniziativa ‘La Schiena va a Scuola’ con la collaborazione della Regione Lombardia, ha coinvolto circa 80 istituti e 1.200 bambini in incontri formativi con professionisti, al fine di sensibilizzare i piu’ piccoli sulle ricette per la salvaguardia della propria schiena, a iniziare dalla postura in classe e dall’attenzione al peso dello zaino. Accanto all’aspetto formativo, anche un’iniziativa artistica che prevedeva un concorso tra le classi coinvolte.

Journey with new hope
Tessitrici di nuove speranze per se stesse e per le altre donne che vivono situazioni di sofferenza, di schiavitu’. È questo l’obiettivo del progetto ‘Journey with new hope’ presentato a Roma al centro studi americano. Un’iniziativa nata dall’associazione ‘Beawarenow’ con il sostegno dell’ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia e in collaborazione con il centro d’accoglienza ‘Casa Rut’ e la cooperativa ‘New hope’. Grazie al progetto e’ stata creata una nuova linea di prodotti d’abbigliamento e accessori legata al viaggio. Obiettivo principale, insegnare un mestiere e permettere alle donne di conquistare la propria autonomia, l’unico modo per tornare ad essere libere. Un progetto per l’integrazione lavorativa ma anche sociale. A realizzare i capi sono state infatti giovani donne vittime di tratta insieme alle studentesse del liceo artistico ‘San Leucio’ di Caserta.

‘Biz Factory 218’: si sfidano a Milano le mini imprese da tutta Italia
Hanno più o meno diciott’anni e hanno creato delle mini-imprese ad alto contenuto innovativo, hanno ideato prodotti e li hanno realizzati in forma di prototipo; lo hanno fatto lavorando in team con la classe affiancati da un docente e da un volontario d’azienda. Dalla Valle D’Aosta alla Sardegna, ecco i giovani innovatori e imprenditori in erba. Sono gli studenti che hanno partecipato al programma di educazione imprenditoriale per la scuola superiore “Impresa in azione”, organizzato da Junior Achievement Italia (JA Italia) che ha coinvolto 16 mila studentesse e studenti nell’ultimo anno scolastico. A vincere la sfida finale il team dell’ISIS Arturo Malignani di Udine.


Dalle scuole

 

Scuola Primaria Geronimo-Stilton di Roma
Emozioni e creatività, ecco i compiti per le vacanze della maestra Irene di Luzio che ai suoi alunni ha lasciato delle consegne speciali.

Liceo Telesio di Cosenza
Inaugurata l’Aula Ricreativa degli Studenti realizzata attraverso l’autofinanziamento dei quasi mille studenti che frequentano l’istituto.

I.C. Falcomatà Archi di Reggio Calabria
Studenti protagonisti del Primo Festival Canoro “La scuola che inCanta”.

Liceo Orazio Flacco di Portici
“Accogliere ad arte” è il progetto sulla valorizzazione turistica del territorio realizzato dagli studenti nell’ambito dell’iniziativa “Giovani didattica e sviluppo territoriale” organizzato dall’Associazione culturale Villa Tufarelli.

8 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»