L.Elettorale, franchi tiratori affossano accordo al primo voto. Rosato: "Parola M5S non vale nulla" - DIRE.it

Politica

L.Elettorale, franchi tiratori affossano accordo al primo voto. Rosato: “Parola M5S non vale nulla”


ROMA – Il patto Pd, M5s, Fi e Lega non ha retto al primo voto segreto. L’aula della Camera ha infatti approvato  a scrutinio segreto l’emendamento Biancofiore (Fi). I si’ sono stati 270, i no 256, un astenuto.

“Quello che e’ accaduto e’ chiaro sotto gli occhi di tutti. Oggi il M5s ha dimostrato cosa vale la loro parola: nulla, nulla, nulla”. Lo dice il capogruppo Pd in aula Ettore Rosato, dopo l’ok all’emendamento Biancofiore.

“Io condanno i franchi tiratori in questa aula, coloro che non si assumono la reponsabilita’. Io le chiedo di sospendere questa seduta e di mettere in voto la richiesta. Per consentire a noi e altri gruppi di verificare se ci sono le condizioni per proseguire la discussione sulla legge elettorale o se deve essere rimandata in commissione”. Lo dice il capogruppo Pd in aula Ettore Rosato.

TONINELLI: M5S NON VOTA CONTRO EMENDAMENTI DI GIUSTIZIA, PER NOI SI VA AVANTI

“Questo era un emendamento di giustizia perche’ applica la legge elettorale al Trentino. M5s non votera’ mai contro norme di giustizia. Per il M5s la legge puo’ andare avanti”. Lo dice Danilo Toninelli, deputato M5s, in Aula.



PER UN ISTANTE VOTO SEGRETO DIVENTA PALESE SU TABELLONE

Incidente nel corso della votazione a scrutinio segreto. Nel momento in cui la presidente della Camera, Laura Boldrini, ha consentito la votazione sul tabellone della Camera sono apparse, per una frazione di secondo, le luci rosse e verdi, invece di quelle bianche. In pratica, il voto era palese invece che segreto.

Dopo la votazione ha preso la parola il deputato Enrico Corsaro che ha chiesto la rimozione del resposabile di quanto accaduto, oppure, ha aggiunto rivolgendosi alla Boldrini, “chiederemo a lei le dimissioni”,

Anche Maurizio Lupi ha parlato di “fatto gravissimo, non si puo’ permettere che un voto segreto diventi palese”.

8 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»