Vasco, Jovanotti e Tiziano Ferro: ecco il piano viabilità di Firenze per l'area del Franchi - DIRE.it

Toscana

Vasco, Jovanotti e Tiziano Ferro: ecco il piano viabilità di Firenze per l’area del Franchi

vascoIl comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunito a Palazzo Medici Riccardi, ha varato un piano in collaborazione con il Comune di Firenze “per fronteggiare” la stagione concertistica in programma allo stadio Artemio Franchi: Vasco Rossi in programma venerdì 12 e sabato 13 giugno, lo spettacolo di Tiziano Ferro (il 23 giugno) e i due concerti di Jovanotti (il 4 e 5 luglio). Tre eventi musicali ai quali sono attese circa 140.000 presenze complessive. Inoltre non era mai accaduto prima che si tenesse in Toscana una doppia esibizione di Vasco Rossi, “motivo di ulteriore richiamo di pubblico”, sottolinea la prefettura.

Sotto l’aspetto della viabilità “ci sarà una novità importante”: nei giorni degli spettacoli tutti i treni interregionali in percorrenza tra le 8 e le 20 fermeranno alla stazione di Rovezzano e potranno essere utilizzati come navette verso Campo di Marte anche da coloro che lasceranno l’auto nel parcheggio dedicato ai concerti, situato in via della Chimera, proprio davanti alla stazione ferroviaria di Rovezzano. Si tratta di una soluzione adottata con l’obiettivo di alleggerire il traffico nella zona dello stadio e per questo motivo gli organizzatori invitano gli automobilisti ad arrivare in città solo da Firenze Sud (evitando Firenze Nord e Certosa) così da avvalersi più facilmente dell’area di sosta riservata e dei treni-navetta. Inoltre tra i due spettacoli di Vasco Rossi, cioè tra il 12 e il 13 giugno, rimarrà attivo tutta la notte un presidio sanitario del 118 all’interno dello stadio di atletica leggera e la Società Silfi lascerà accesa l’illuminazione pubblica stradale nell’area Cure-Campo Marte, senza la consueta interruzione notturna.

8 giugno 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»