VIDEO | Roma, protesta a Casal Bruciato: “Vinceremo contro rom come a Torre Maura”

Dopo Torre Maura, un'altra zona di periferia a Roma insorge contro l'arrivo di rom, in questo caso una famiglia a cui è stata assegnata regolarmente un casa. Presidio in strada e proteste guidate da Casapound
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Prosegue senza sosta la protesta anti rom a Casal Bruciato. Un gruppo di residenti e diversi attivisti di estrema destra sono in sit-in davanti al civico 90 di via Facchinetti, periferia est di Roma, per gridare la loro rabbia contro l’assegnazione legittima di una casa popolare ad una famiglia rom. “Io abito al piano di sopra a quell’appartamento, stavo davanti alla porta di quella casa per impedire loro di entrare. Se entravano non so come andava a finire”, ha detto un residente all’esponente di Sinistra italiana, Stefano Fassina.

Io abito qui dal ’75, qui non vogliamo zingari“, ha detto un altro. “Non siamo razzisti, qui abita una famiglia di siriani, finché se ne stanno buoni non abbiamo problemi con loro”. Parole che dimostrano quanto la tensione resti alta nonostante la famiglia assegnataria sia stata spostata altrove.

 

Non andremo via da qui fino a che non vediamo la revoca dell’assegnazione. Se li portassero a casa loro- hanno detto ancora- La Raggi se li portasse a casa sua. Noi gli zingari qui non li vogliamo, quella casa deve andare a un italiano”. Sulla protesta, il sigillo di Casapound: “Chiediamo alla Raggi di lasciare, di dimettersi e tornare a elezioni perché ancora succedono queste cose ai romani- ha detto il responsabile di Casapound Lazio, Mauro Antonini-. Aspettiamo la revoca dell’assegnazione di questa casa. Siamo pronti a dormire qui“.

Gli fa eco un altro militante del movimento di estrema destra: “Vogliamo vincere questa battaglia, come abbiamo già fatto a Torre Maura”, le parole al megafono. Davanti all’ingresso del condominio una tenda simbolica per “gli italiani senza casa” e il cartello con la scritta: ‘Sto con Noemi, italiana con un bambino piccolo‘, in riferimento alla giovane donna che questa mattina ha occupato l’interno assegnato alla famiglia rom. “Casa ai terremotati, agli invalidi o agli italiani“, recita un altro cartello. La strada è presidiata dalle forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE: 

VIDEO e FOTO | La protesta non si ferma a Torre Maura. Spostati i rom

VIDEO | Simone è di Torre Maura e “non è d’accordo”

RAGGI: CASAPOUND NON CI FA PAURA, NOI NO CITTÀ DELL’ODIO

“Casapound non ci fa paura. Roma resta una città aperta e dei diritti. Non sarà mai la città dell’odio. Siamo tutti con Roberta Della Casa, presidente del IV Municipio. Possiamo discriminare le persone in base al colore della loro pelle, alla religione che professano o alla loro etnia? Io dico no. E lo dico perché la legge è l’unico scudo che ci tutela dalle ingiustizie e dalla sopraffazione. Vi sembrerà retorica, ma ora vi spiego il senso delle mie parole. Un gruppo di militanti di Casapound ha impedito ad una famiglia di prendere possesso della casa assegnata da Roma Capitale in base ad una graduatoria pubblica e regolare. Glielo ha impedito perché si tratta di una famiglia rom: una famiglia che nel 2012, quando governava la destra di Alemanno, ha partecipato al bando per l’assegnazione delle case popolari. La casa è stata loro assegnata regolarmente”. Lo scrive su Facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

“Casapound ha soffiato sull’intolleranza, ha puntato il dito contro un uomo, una donna e i loro sei bambini. E, se è vero quanto affermato dalla stessa famiglia che ha presentato denuncia, avrebbe minacciato di bruciarli vivi- sottolinea Raggi-. Hanno creato un clima di odio e terrore al punto che i nostri uffici, per garantire la loro incolumità e la vita di questi sei bambini, sono costretti ad assegnare un altro appartamento alla famiglia. È paradossale che ad impedire l’ingresso in un appartamento siano gli stessi che occupano abusivamente un intero stabile in centro città. È un momento triste per la città, è un momento triste per la nostra comunità. Noi romani non ci stiamo ad essere accomunati ai razzisti. Casapound non ci fa paura. La legge va rispettata, sempre! Non abbiamo alcuna intenzione di cedere alla loro prepotenza. Roma resta una città aperta e dei diritti. Non sarà mai la città dell’odio”.

LEGGI ANCHE: Nomadi, Di Maio: “Campi rom vanno chiusi, come sta facendo sindaca Raggi”. Ma tuona anche contro Casapound

ORFINI: FAMIGLIA ROM HA DIRITTO CASA, BASTA RAZZISMO

“Capiamoci davvero: oggi a Roma a Casal Bruciato i cittadini protestano contro l’assegnazione del tutto regolare di un alloggio popolare ad una famiglia rom. Cioè non si vuole che pur avendone diritto, quella famiglia entri in possesso di una casa. Vorrei svelare un segreto a quei gruppi neofascisti che in queste ore si stanno prodigando in chiassosi schiamazzi: se siamo tutti contrari ai campi rom, e lo siamo, se siamo tutti contrari ai cosiddetti centri di raccolta tipo quello di Torre Maura, e lo siamo, l’alternativa, la sola alternativa è dare una casa a chi non ce l’ha e ne ha diritto. E accompagnare tutto questo con politiche di integrazione”. Così su Facebook Matteo Orfini, deputato del Pd.

“L’altra strada si chiama razzismo. Ed è quella che più o meno consapevolmente sta prendendo chi contesta il sacrosanto diritto di questa famiglia. E che sia più o meno consapevole, questo comportamento resta inaccettabile e pericoloso. E ingiustificabile”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»