Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

Friuli Venezia Giulia

Sanità, 15 milioni per incremento fondo del personale della salute

studenti medicina farmaciaTRIESTE – La Regione ha deciso di confermare le precedenti intese sindacali e di incrementare la dotazione dei fondi aziendali per il personale non dirigente del comparto sanità – circa 18 mila dipendenti – che consentano un più efficace raggiungimento degli obiettivi contenuti nelle linee regionali di programmazione e in attuazione della riforma.
Lo consideriamo uno strumento importante che mettiamo a disposizione delle aziende sanitarie: sono risorse ingenti che le aziende potranno utilizzare su una serie di obiettivi che abbiamo concordato sul tavolo regionale con le organizzazioni sindacali e in gran parte legati all’attuazione della riforma”, commenta l’assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca.
L’importo complessivo messo a disposizione dalla Regione è di oltre 15 milioni di euro: circa la metà di queste risorse (8.639.124 euro), per effetto di scelte storiche del tavolo sindacale, verrà impiegato per far fronte al riconoscimento di una serie di incentivi, ad esempio per il lavoro notturno e festivo e per il personale a disposizione dei corsi laurea area sanitaria, che “sono fermi da molti anni nei contratti nazionali e che la Regione decide di adeguare in attesa dello sblocco”, spiega Telesca.
Il resto delle risorse sarà demandato alla contrattazione integrativa aziendale, per essere impegnato in obiettivi regionali strategici: processi di riorganizzazione; assistenza domiciliare nell’ambito dell’assistenza primaria; interventi socio – sanitari; percorsi di riabilitazione; qualità delle cure; contenimento dei tempi di attesa.

8 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»