Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

Warning: Division by zero in /home/dire2376/public_html/wp-content/plugins/wordpress-seo/inc/class-wpseo-image-utils.php on line 223

Abruzzo

Vinitaly, inaugurazione con il ‘Cangrande’ a Valentini

vino rosso vinitalyPESCARA – Scatta ufficialmente domenica 10 aprile, alle 11, con la cerimonia di inaugurazione, la 50ª edizione del Vinitaly, la fiera mercato internazionale del vino, dove la Regione Abruzzo parteciperà con uno stand di 400 mq (padiglione 12, area G5) che si snoderà tra aree espositive, degustazioni guidate, incontri B2B e seminari. La cerimonia (auditorium Verdi), a cui saranno presenti il presidente Luciano D’Alfonso e l’assessore regionale Dino Pepe, si aprirà con la consegna al produttore abruzzese, Francesco Paolo Valentini, del riconoscimento “Cangrande benemerito della vitivinicoltura italiana”, premio assegnato dal Ministero delle Politiche Agricole e da Veronafiere su indicazione della Regione Abruzzo.

   Il riconoscimento cade in coincidenza con il decimo anniversario della scomparsa di Edoardo Valentini, imprenditore di Loreto Aprutino (Pe), considerato tra i pionieri del vino abruzzese. Tra gli ospiti attesi nell’area espositiva della Regione Abruzzo ci sono il vice ministro dell’agricoltura, Andrea Olivero, presente martedì 12 aprile, e il vice presidente del Csm, Giovanni Legnini, la cui visita è in programma per domenica 10 aprile. Per l’olio, le degustazioni sono previste nell’ambito della sezione AgriSol (Tenso C, ingresso San Zeno). Tra gli eventi collaterali messi in calendario, infine, ci sono la mostra fotografica intitolata “Ti racconto le terre d’Abruzzo” e il concorso enologico “La selezione del sindaco”, in collaborazione con l’Associazione nazionale Città del vino. Il Vinitaly si concluderà mercoledì 13 aprile.
8 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»