AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Dal 13 aprile scattano gli aumenti delle tariffe per la sosta a pagamento di Bologna

strisce blu bolognaDa lunedì entrano in vigore gli aumenti sulle tariffe della sosta che il Comune di Bologna ha approvato con il bilancio 2015. Come annunciato nei mesi scorsi, si prevedono nuove tariffe per la corona semicentrale e la corona periferica, mentre rimangono inviariate le tariffe vigenti in centro storico (1,80 euro; 1,60 se si usa la card prepagata) e nella cerchia del Mille (2,40 euro; 2.20).

Nella corona semicentrale la tariffa oraria passa da 1,20 a 1,50 euro (da uno a 1,20 se si paga con card prepagata), mentre l’abbonamento giornaliero sale da sei a 7,50 euro, quello mensile da 40 a 50 e quello semestrale da 150 a 200 euro. Passando alla corona semiperiferica, questa comprende le aree di espansione della sosta a pagamento nei quartieri Navile, San Vitale e Santo Stefano (che erano assimilate alla corona semicentrale) insieme alla zona periferica (Arcoveggio): per le aree di espansione in pratica non cambia nulla, mentre per quella periferica la tariffa oraria passa da 60 centesimi a 1,20 euro (e da 40 centesimi a un euro con le card), l’abbonamento giornaliero sale da 2,50 a sei, quello mensile da 25 a 40 e quello semestrale da 90 a 150.

“L’adeguamento tariffario è teso a ristabilire organicità tra le tariffe della sosta su strada e quelle nei parcheggi esistenti- scrive l’amministrazione in una nota- mediante una gestione equilibrata della domanda di sosta, a tutelare la possibilità di sosta per i residenti e per i clienti delle attività economiche evitando fenomeni di sosta prolungata su suolo pubblico”. Altro obiettivo, poi, è quello di favorire “l’uso da parte di pendolari e city users dei parcheggi di interscambio e attestamento esistenti proprio nella prima fascia periferica e che allo stato attuale sono ampiamente sottoutilizzati”, conclude Palazzo D’Accursio.

08 aprile 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988