Digitale, l’ex deputata Mara Mucci è il nuovo segretario di Anorc Professioni

Bolognese, laureata in informatica, con l’Associazione nazionale dei professionisti di digitale e privacy aveva partecipato negli anni a diverse edizioni del DIG.Eat
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Mara Mucci, ex parlamentare classe ’82 e già vicepresidente della Commissione di inchiesta sul livello di digitalizzazione e innovazione delle Pa è il nuovo segretario generale di Anorc Professioni.

CHI E’ MARA MUCCI

Bolognese, laureata in informatica, con l’Associazione nazionale dei professionisti di digitale e privacy aveva già collaborato a partire dal 2015 sul progetto ‘Digitale in Comune’ e partecipato negli anni a diverse edizioni del DIG.Eat, a workshop e convegni promossi sempre da Anorc Professioni.

Lei stessa, sentita dalla Dire, spiega che “durante il mandato parlamentare la collaborazione con esperti come quelli di Anorc Professioni è stata naturale, poi per continuità sono voluta passare da un livello istituzionale a un livello più pratico. Cioè, dopo aver visto quali sono i problemi di massima e quindi aver lavorato sulle norme e sugli incentivi per gli enti locali e le Pa, adesso l’obiettivo è dare stimoli dall’esterno”.

La prima apparizione di Mara Mucci in qualità di segretario generale Anorc Professioni, sarà il prossimo 28 febbraio, a Verona, al Workshop gratuito su digitalizzazione e privacy organizzato dall’Associazione in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri di Verona (https://www.anorc.eu/eventi/item/convegno-workshop-digitalizzazione-e-privacy). Vi parteciperà da relatore in qualità di segretario, ma anche di ‘attivista digitale’: “La passione per l’innovazione e per la digitalizzazione- racconta alla Dire- la devi avere nel Dna. Dopo aver visto, lavorando in Parlamento, le profonde ragioni e la confusione alla radice dell’arretratezza del Paese, sono sempre più concentrata sul mio obiettivo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»