VIDEO | Francia, Fantinati (M5s): “No lezioni da Macron, violento con noi”

Un invito a distinguere: “Non c’è attrito tra l’Italia e la Francia, un Paese che stimo molto. Tuttavia il presidente Macron si è espresso in maniera molto critica e violenta dicendo che in Italia vi è una deriva populista e che siamo la lebbra d’Europa” dice Mattia Fantinati (M5S), sottosegretario alla Pubblica amministrazione, intervistato dall’agenzia Dire sulla decisione del governo transalpino di richiamare l’ambasciatore francese a Roma.

“Ingerenze di altri governi penso non siano accettabili. Da questo punto di vista- sottolinea Fantinati- noi possiamo dire che la politica di austerità di Macron non è quello che serve a un Paese per crescere. Non accettiamo lezioni politiche da chi si è espresso in questo modo contro il governo italiano”.

PIL, FANTINATI (M5S): CONVINTI CHE MANOVRA PORTERÀ CRESCITA

Convinti della crescita nel nostro Paese nonostante stime al ribasso? “Assolutamente sì. Siamo convinti che dopo 10 anni di rigore e austerità che hanno portato a questa situazione, abbiamo costruito una manovra che farà crescere questo Paese. Per far sì che questo avvenga serve fiducia da parte delle istituzioni e servono investimenti anche facendo un po’ di debito. Questa è la strada giusta”.

PENSIONI, FANTINATI: CON QUOTA 100 RIVITALIZZIAMO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

“Con quota 100 superiamo la legge Fornero e diamo la possibilità a tanti lavoratori e dipendenti pubblici di andare in pensione, permettendo quel ricambio generazionale di cui la pubblica amministrazione ha bisogno. Abbiamo un’età media nella pubblica amministrazione di 53 anni. Troppo alta perché essa possa rispondere alle esigenze dei cittadini” ha dichiarato, Mattia Fantinati intervistato dal direttore dell’agenzia Dire, Nico Perrone.

Per chi resterà fuori da questo processo, “non ci saranno licenziamenti- ha aggiunto- lo sblocco del turnover e quota 100 dimostrano che questo governo vuole investire e rivitalizzare la pubblica amministrazione. Un settore tecnologicamente avanzato reso possibile anche grazie a nuove figure competenti e alla formazione del personale che c’è adesso”.

PA, FANTINATI: OK IMPRONTE SE AUMENTANO EFFICIENZA

Impronte digitali ai dipendenti pubblici sul posto di lavoro? Ogni strumento è giusto se aumenta l’efficienza della pubblica amministrazione. Un governo serio deve assolutamente combattere alcuni casi che riguardano questo settore”, ha spiegato Mattia Fantinati.

“Quelli della pubblica amministrazione sono soldi dei cittadini, dobbiamo garantire che siano spesi al meglio. Il fenomeno dei ‘Furbetti del cartellino’ non rientra nella categoria del malcostume, ma si tratta di un reato”, aggiunge Fantinati.

PA, FANTINATI: SPID STRUMENTO PER AUMENTARE LIVELLO DIGITALIZZAZIONE

“Spid permette con un’unica applicazione e con un unico accesso, di entrare nella pubblica amministrazione ed essere riconosciuto come un unico utente. Con un unico ingresso posso entrare in qualsiasi pubblica amministrazione. Gli strumenti ci sono devono essere solo usati per avere un buon livello di digitalizzazione”. Lo ha detto il sottosegretario alla Pubblica amministrazione, Mattia Fantinati intervistato dal direttore dell’agenzia Dire, Nico Perrone.

GOVERNO, FANTINATI: CON LEGA DIVISI SU MOLTO MA QUADRA SEMPRE TROVATA

Non siamo alleati con la Lega, semplicemente stiamo governando con loro con un contratto di governo. Abbiamo garantito agli italiani che governeremo 5 anni perseguendo determinati punti. Poi politicamente su molti temi siamo divisi, e divisi andremo in campagna elettorale. Bisogna darci atto però che ogni volta che vi è stata una divisione su un qualsiasi tema alla fine una quadra l’abbiamo sempre trovata”. Lo ha detto il sottosegretario alla Pubblica amministrazione, Mattia Fantinati intervistato dal direttore dell’agenzia Dire, Nico Perrone.

8 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»