La vacanza? Ora si organizza a domicilio con l’esperto

Tutti cercano sempre più spesso di personalizzare la vacanza con una o più 'esperienze', che fanno la differenza. E per scegliere il meglio anche nell'era digitale in molti si affidano a un esperto (che viene anche a casa)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Le vacanze? Sono sempre più ‘su misura’, pensate e studiate in tutto e per tutto, soprattutto sul fronte delle esperienze. Ed è soprattutto per questo che molto spesso, ultimamente, davanti all’organizzazione di una vacanza lunga, i turisti si affidano ad un consulente specializzato, che lavora anche a domicilio

Secondo gli ultimi dati dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano, un italiano su due conosce la figura del consulente di viaggio e il 10% dei turisti digitali si rivolge proprio a un esperto di questo tipo per l’organizzazione della propria vacanza.

Perchè rivolgersi a un esperto? Lo spiega Gianpaolo Romano, amministratore delegato di CartOrange, l’azienda che 20 anni ha lanciato un approccio innovativo alla vendita dei viaggi. Il 32% lo fa per avere la sicurezza di trovare informazioni corrette, il 29% per avere un punto di riferimento nella gestione di tutto il pacchetto (inclusa l’assicurazione), il 26% per la maggiore esperienza dell’interlocutore e il 25% per ricevere assistenza in fase di pianificazione. Un 23%, infine, risponde che preferisce un consulente per essere sicuro di avere assistenza adeguata durante il viaggio e un altro 20% perchè giudica la personalizzazione una priorità”.

La personalizzazione diventa un fattore determinante quando, come ormai capita sempre più spesso, la ‘cifra’ della vacanza sono i cosiddetti servizi ‘esperienziali’, ai quali secondo l’Osservatorio Innovazione Digitale viene ormai destinato oltre il 25% del budget della vacanza.

“Non si può più parlare, quindi, di semplici ‘servizi ancillari’ – sottolinea Romano –. Anzi, per molti turisti le esperienze guidano addirittura la scelta della destinazione e costituiscono la motivazione stessa che spinge a viaggiare”. 

Ma cosa si intende per esperienze? Attività culturali, intrattenimento, tour culinari, shopping, sport, relax, benessere, corsi e itinerari tematici sono gli elementi più richiesti per arricchire la vacanza: fondamentale, quindi, poter contare su un consulente esperto che sa dare le informazioni giuste sulle mete e seleziona “chicche” anche insolite sulla base di gusti, attitudini e passioni dei clienti. Cucendo un viaggio come un sarto cucirebbe un abito. Una cura che, anche nell’era del web, può arrivare da un “rapporto diretto e personale come quello che da sempre contraddistingue il modello della vendita a domicilio“, osserva Ciro Sinatra, presidente di Univendita, associazione che si occupa di vendite a domicilio e di cui CartOrange fa parte.

“Poter acquistare viaggi su misura, proposti da un consulente esperto e pronto ad ascoltare, con la comodità di riceverlo a casa propria e con orari flessibili, è un valore aggiunto che i turisti di oggi, sempre più esigenti ed evoluti, riconoscono e premiano”, conclude Sinatra.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»