Carnevale. A Napoli polizia municipale sequestra oltre 20 mila prodotti - DIRE.it

Campania

Carnevale. A Napoli polizia municipale sequestra oltre 20 mila prodotti

2016020802071700717NAPOLI – Costumi, maschere e oggetti vari potenzialmente tossici – soprattutto per i più piccoli – sono stati sequestrati a Napoli dagli agenti della Unità Operativa Tutela Minori della Polizia Municipale. Il sequestro di oltre 20 mila pezzi riguarda 73 colli contenenti costumi di carnevale, 2500 maschere con piumaggio tinto con colori tossici, 1300 maschere in gomma, 1200 kit cosmetici altamente pericolosi, 4500 cannoni spara coriandoli, 9000 kit unghie finte con colle adesive dannose per la salute, 900 parrucche colorate ed innumerevoli ”kit scherzi”.

Le verifiche della Unità hanno riguardato 18 esercizi commerciali, con vendita sia all’ingrosso che al dettaglio, con sede in via Galileo Ferraris ed in tutta la zona industriale, gestiti principalmente da cittadini cinesi. Durante le ispezioni commerciali in tre casi si è riscontrata la messa in commercio di articoli mancanti di certificazione CE, delle indicazioni di fabbricazione e importazione nonchè delle avvertenze d’uso in lingua italiana.

Tutto il materiale era stato immesso in commercio senza avere i dovuti requisiti relativi all”impiego di materiali, colori, adesivi e vernici atossici e sicuri per la salute dei consumatori e verrà sottoposto alle verifiche di rito prima di essere avviato a distruzione.

L’attività descritta fa parte della quotidiana attenzione prestata dall’Unità Operativa Tutela Minori alla repressione degli illeciti in danno della sicurezza e della salute della cittadinanza e segue analoghe operazioni messe in campo in occasione del Carnevale e finalizzate, peraltro, anche al rispetto dell”Ordinanza Sindacale che vieta la vendita e l”utilizzo delle bombolette spray. Sempre nelle immediate adiacenze della Stazione Centrale, in zona Duchesca, sono state poste in sequestro in totale 652 bombolette contenenti spray urticante trovate in commercio presso una rivendita.

8 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»