Gli studenti della Bocconi al lavoro sull’Iss per migliorare qualità

SAN MARINO – Le strutture sanitarie dell’Iss “sotto esame” dei masterizzandi dell’Università Bocconi di Milano. Si è aperta una collaborazione didattica tra l’Ateneo privato milanese, in particolare l’area del management sanitario, che ha studiato e continuerà a studiare le strutture sanitarie pubbliche sammarinesi come “laboratorio per la sperimentazione e realizzazione di percorsi di miglioramento organizzativo“. In pratica l’Università’ Bocconi ha scelto i luoghi dell’Iss in qualità di “sedi didattiche” per la parte pratica dei lavori sul campo dei corsisti del Master biennale di II livello in management delle aziende sanitarie e socio-assistenziali.

Palazzo San MarinoIn questi mesi la Direzione di dipartimento ospedaliero ha guidato gli studenti nel progetto di analisi e riorganizzazione del nuovo blocco operatorio. “Il progetto- spiega una nota di Cailungo- ha avuto l’obiettivo di fornire proposte per il miglioramento della qualità e dell’efficienza perioperatoria e intraoperatoria, ovvero assicurare ai pazienti il migliore e più sicuro livello di servizio chirurgico e massimizzare il numero di pazienti chirurgici che possono essere operati in sala, ottimizzando l’utilizzo delle risorse utilizzate e i cosiddetti tempi morti”.
Attraverso la raccolta di informazioni e la visita alle strutture coinvolte è stato quindi “elaborato un lavoro che offre diversi spunti per proseguire nella riorganizzazione del nuovo blocco operatorio e nel percorso del paziente chirurgico”.

Il lavoro è stato presentato a Milano “suscitando interesse ed apprezzamento- prosegue la nota- per lo sforzo organizzativo che la Direzione dell’Iss sta sostenendo per il mantenimento e la qualificazione dei servizi del Sistema sanitario sammarinese”.
La collaborazione tra Iss e Università Bocconi continuerà anche nel 2016, conclude la nota, “attraverso l’analisi di altre aree di miglioramento anche territoriali come l’ambito del servizio minori del dipartimento socio sanitario, oltre alla continuazione del filone ospedaliero”.

8 Feb 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»