Politica

Unioni civili, Lorenzin: “Bene Grillo su libertà di coscienza”

lorenzin

ROMA – Ha fatto bene Grillo a lasciare liberta’ di coscienza? “Assolutamente si’. Ho applaudito a questo fatto, anche se non so se lui ne sara’ contento”. Lo dice Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, a Sky tg24.

Se tutti sono informati “poi ognuno potra’ prendere le proprie decisioni in scienza e coscienza”, ma per poter fare questo occorre “portare il dibattito a un livello piu’ alto. E finora non lo e’ stato”. Per questo e’ opportuno  fare “una riflessione” sulla stepchild adoption “in un altro contenitore legislativo”.

“La prostituzione e’ vendere il proprio corpo per denaro. E nel 90 per cento dei casi viene fatto  perche’ si ha fame. Ma vendere i propri figli per denaro, non so come si possa chiamare, siamo oltre la prostituzione. E cio’ che c’e’ dietro sono miliardi di business. Questi bambini sono delle merci e le donne sono ridotte allo stato di una nuova schiavitu’. Per questo “ho aderito al manifesto delle femministe  francesi per creare un movimento” che faccia della pratica dell’utero in affitto “un reato universale.

La pratica dell’utero in affitto “e’ un reato nel nostro Paese. Una delle ultime frontiere dello sfruttamento del corpo femminile e apre questioni etiche sulle donne e sui bambini terrificanti. Noi come stato non possiamo leggitimare questa pratica”.

“Credo che la maggioranza dei nostri cittadini non siano favorevoli. Anzi penso che il Paese sia contrario”. Poi “le piazze sono un’altra cosa, due momenti che radicalizzano gli interventi e chi sta in mezzo sono i favorevoli alla regolamentazione delle coppie omosessuali, ma  non favorevoli, pur di diventare genitori, a pratiche che sono reato come l’utero in affitto”.

LEGGI ANCHE

Utero in affitto? Il ministro Lorenzin: “Il corpo della donna come un forno, mercificato”

Unioni civili, sondaggio Ixè: 73% degli italiani contrari alle adozioni gay

 

 

8 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»