Sanità, Cotticelli: “Ridare diritto salute ai calabresi”

“Sarà una sfida difficilissima e ne sono consapevole, non ho ancora letto le carte, lo farò da oggi in poi".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CATANZARO – “Sarà una sfida difficilissima e ne sono consapevole, non ho ancora letto le carte, lo farò da oggi in poi. Sono già stato dal dottor Gratteri (procuratore capo della Repubblica di Catanzaro, nrd)”. Così le prime parole del nuovo commissario al piano di rientro dal deficit sanitario calabrese, Saverio Cotticelli (generale dei Carabinieri, ndr), insediatosi ufficialmente oggi a Catanzaro, giungendo agli uffici della Cittadella regionale, sede della giunta. Cotticelli che era accompagnato dal sub commissario Thomas Schael, ha preso il posto di Massimo Scura che ha retto l’ufficio del commissario negli ultimi quattro anni.

“I 22 punti del piano di rientro si possono racchiudere in un solo concetto – ha aggiunto Cotticelli – ridare il diritto alla salute ai Calabresi. La gestione economica degli istituti sanitari, dei nosocomi, delle cliniche, dei laboratori, tutto ciò che attiene al mondo della sanità, deve essere fatto alla luce della legge”. Sul perché abbia voluto incontrare prima il procuratore di Catanzaro, Gratteri, Cotticelli ha risposto: “da vecchio carabiniere ho sempre avuto un solo interlocutore: la legge e la magistratura”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»