Emilia Romagna

Aeroporto Bologna, a dicembre boom passeggeri. Chiude in bellezza un anno record

BOLOGNA – L’aeroporto Marconi di Bologna chiude il 2015 con il nuovo record di traffico della sua storia: quasi sette milioni di passeggeri (6.889.742), con una crescita del 4,7% sul 2014. A trainare l’incremento sono stati i passeggeri dei voli internazionali (5.171.585, +7,2%), che oggi rappresentano il 75% dei passeggeri complessivi, mentre sono risultati in lieve flessione i viaggiatori dei voli nazionali (1.710.419, -2,1%), penalizzati dalla riduzione dell’offerta di alcuni vettori nazionali.

Aereo che decollaDopo una parte centrale dell’anno molto positiva, con oltre 600.000 passeggeri mensili tra maggio ed ottobre ed un novembre sostenuto, il mese di dicembre ha fatto registrare un “boom” di presenze (+13,1%, pari a 524.140 passeggeri), favorito anche dal sistema di atterraggio strumentale in dotazione al Marconi che ha permesso di effettuare movimenti pure in condizioni di bassa visibilità. Complessivamente, l’incremento di traffico del 2015 è riconducibile all’attivazione di numerosi nuovi collegamenti (Budapest, Dubai, Katowice, Las Palmas, Leopoli, Praga e Tel Aviv) e al potenziamento di alcune importanti tratte già operative (in particolare, Berlino, Bucarest, Cagliari, Chisinau, Copenaghen, Istanbul e Mosca). Parigi, con oltre mezzo milione di passeggeri (516.025 tra gli aeroporti Charles De Gaulle, Beauvais e Orly) si conferma la meta più “gettonata”, di poco davanti a Londra con 515.690 passeggeri (aeroporti Heathrow, Gatwick e Stansted).

Al terzo posto si piazza Francoforte, con 281.947 passeggeri, scalo dal quale si può proseguire per destinazioni intercontinentali. Nella “top ten” troviamo inoltre: Istanbul, Barcellona, Palermo, Catania, Madrid, Roma e Amsterdam. I movimenti totali del 2015 sono stati 64.571, praticamente invariati rispetto al 2014 (- 0,4%), mentre sono in lieve calo (-4,1%) le merci trasportate per via aerea, pari a 30.836 tonnellate.

8 gennaio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»