A Firenze in luglio per la prima volta le Olimpiadi per atleti down - DIRE.it

Toscana

A Firenze in luglio per la prima volta le Olimpiadi per atleti down

FIRENZE – Dal 15 al 22 luglio a Firenze andranno in scena i ‘Trisome Games‘, la prima edizione delle olimpiadi per gli atleti con sindrome di down. Un evento unico nel suo genere, presentato questa mattina dall’assessore regionale allo sport Stefania Saccardi insieme, tra gli altri, all’atleta Nicole Orlando, campionessa disabile che ha vinto 5 medaglie ai mondiali di atletica Iaads in Sudafrica, e Luca Pancalli, presidente del comitato paralimpico, che ha detto: “Dobbiamo mettere un pizzico di orgoglio italiano quando sappiamo fare le cose bene, non esisteva finora per i ragazzi Down la possibilita’ di competere alla pari, e’ un momento sportivo che funge come risposta in termini di pari opportunita’”.

nicole_orlando_down

Nicole Orlando

Al momento sono gia’ iscritte 34 nazioni provenienti da 5 continenti con la presenza di quasi 900 atleti e tecnici. Tantissimi gli sport previsti: nuoto, nuoto sincronizzato, futsal, tennis, tennis tavolo, judo, ginnastica ritmica, atletica leggera. Numeri importanti per una manifestazione che si svolgera’ tra stadio Ridolfi, piscina Costoli, palestra Sorgane, palestra Generale Barbasetti, Affrico, Trisome Village.

L’evento, organizzato dal Comitato organizzatore locale presieduto d Alessio Focardi e promosso in collaborazione con Regione Toscana e Comune di Firenze, e’ stato assegnato all’Italia e nello specifico a Firenze dalla Su-Ds – Sport Union for athletes with Down Syndrome – l’organismo internazionale che sovraintende lo sport per atleti con sindrome di Down.
I Trisome Games, oltre ad essere un evento competitivo, saranno un’occasione per far conoscere la citta’ di Firenze e la Regione Toscana a molti sostenitori provenienti da tutto il mondo, rappresentando un evento importante anche sotto un profilo turistico. (www.redattoresociale.it)

8 gennaio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»