La prof. a Salvini: “Pensionami, ‘sti cuccioli non li sopporto più”

Dieci minuti di selfie per il ministro dell'Interno. A volte a scattare erano i ragazzi, a volte Salvini stesso

ROMA – “Ministro mi manda in pensione, vero? Perché non ne posso più di questi cuccioli, li vorrei ammazzare tutti…”. E’ il disperato Sos che una prof lancia a Matteo Salvini, un’esasperata ma sorridente insegnante di Latina che questa mattina, in gita scolastica a Roma, ha avuto l’occasione di incontrare il vicepremier Matteo Salvini. Un rendez-vous fortuito, avvenuto in piazza Montecitorio. Salvini, dopo un pranzo al ristorante della Camera, si concede una passeggiata per il centro di Roma. La scolaresca, una classe media di Latina, è davanti a Montecitorio. 

I ragazzini, incoraggiati dai docenti, si sono lanciati sul ministro dell’Interno. Dieci minuti di selfie. A volte a scattare erano i ragazzi, a volte il ministro stesso. In sottofondo, gli avvertimenti e incoraggiamenti della prof.: “Com’è cambiata la storia”, dice ammirata. Salvini è sommerso dagli smartphone. “Ragazzi, non vi accalcate- avverte la docente- fate piano, se lo mandate a terra come fa l’Italia?”. E ancora: “Con noi gioca in casa, perché veniamo da Latina…”.

Infine, un pensiero al futuro: “Ci manda in pensione a noi? Ho 63 anni”, domanda la prof. “Ci siamo- risponde Salvini- tocca a lei”. Lei alla fine si lascia andare: “Non ne posso più di questi cuccioli, li vorrei ammazzare tutti…”.

Leggi anche:

7 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»