Da Portici alla Stazione spaziale internazionale, ecco l'esperimento Multi-Trop - DIRE.it

Campania

Da Portici alla Stazione spaziale internazionale, ecco l’esperimento Multi-Trop

esperimento_multi_tropNAPOLI –  Multi-Trop, è il nome dell’esperimento vincitore del concorso Yiss – Youth ISS Science bandito dall’Agenzia Spaziale Italiana. Nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ed il liceo scientifico F. Silvestri di Portici, il team, coordinato dalla Professoressa Giovanna Aronne, docente di Botanica del Dipartimento di Agraria, ha anche collaborato all’evento di presentazione della nuova missione spaziale ‘Expedition 52/53 – VITA’ in cui è coinvolto l’astronauta Paolo Nespoli.

LEGGI ANCHE Paolo Nespoli porta ‘Vita’ nello Spazio

Durante i sei mesi di permanenza a bordo della Stazione Spaziale, Paolo Nespoli sarà impegnato a gestire tredici progetti italiani tra cui Multi-Trop, unico esperimento di Biologia Vegetale ed unico esperimento rappresentato da un team tutto meridionale. Precedenti esperimenti hanno dimostrato che, in assenza di gravità, le radici perdono l’orientamento (che sulla Terra le spinge ad approfondirsi nel suolo) e crescono in tutte le direzioni.

Scopo di Multi-Trop è verificare se, in assenza di gravità, altri stimoli (acqua e/o elementi nutritivi) siano in grado di orientare lo sviluppo delle radici. “Questo esperimento oltre alla collaborazione delle docenti De Micco e De Pascale, con cui da molti anni conduco ricerca sulla crescita delle piante nello spazio – spiega la team leader Giovanna Aronne, – ha coinvolto tre studenti del Dipartimento di Agraria e nove del Liceo Silvestri. Il grande interesse, impegno ed entusiasmo con cui hanno partecipato al lavoro svolto finora sono la dimostrazione concreta che i nostri giovani possiedono un’enorme energia sopita che, stimolata e guidata correttamente, li può portare a raggiungere importanti obiettivi”.

“La valenza di questo progetto è anche il prodotto della (bio)diversità culturale che contraddistingue il Dipartimento di Agraria e caratterizza le sue eccellenze – sottolinea Matteo Lorito, Direttore del Dipartimento di Agraria -. Il risultato raggiunto, grazie all’impegno del gruppo di lavoro coordinato dalla professoressa Giovanna Aronne, ha non solo una rilevanza scientifica notevole ma rappresenta anche un esempio virtuoso di interazione efficace tra un Dipartimento Universitario e un Liceo scientifico, ed è il prodotto di una collaborazione a livello territoriale in grado di rendere più interessanti ed efficaci i percorsi formativi offerti ai nostri giovani”.

7 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»