Welfare

Vaccini, la Lice conferma: “Nessun rischio per chi soffre di epilessia”

vaccini, minoriIn seguito al nuovo allarme lanciato dal Ministero della Salute sul preoccupante calo delle vaccinazioni in Italia, la Lega italiana contro l’epilessia (Lice) sottolinea che non esistono controindicazioni alle vaccinazioni e, anzi, è raccomandabile vaccinare tutti i bambini e adolescenti che soffrono delle varie forme di epilessia. “Si è diffuso il timore che le vaccinazioni possano essere responsabili di complicanze anche gravi, in particolare a carico del sistema nervoso- dichiara Giuseppe Capovilla, Presidente Lice e Direttore del Centro Epilessia Infantile dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova- Ciò comporta che alcuni genitori evitino di vaccinare i loro figli, esponendoli così a forti rischi. Ancora più frequente il timore di vaccinare bambini affetti da malattie neurologiche in generale, e da epilessia in particolare, ritenendo che la vaccinazione possa causare un aggravamento della condizione di base e che i presunti rischi da vaccinazione siano, in questi casi, superiori rispetto alla popolazione generale. In conseguenza di ciò, gli epilettologi ricevono spesso la richiesta di certificare che non esistono controindicazioni alla vaccinazione”. Per fare chiarezza su questo importante aspetto di sanità pubblica, la Lega Italiana contro l‘Epilessia (Lice) ha promosso, nel 2008 un gruppo di studio su Epilessia e Vaccinazioni, allo scopo di elaborare delle raccomandazioni sull’argomento.

In collaborazione con altre società scientifiche, quali la Società Italiana di Pediatria (Sip), la Società Italiana di Neurologia Pediatrica (Sinp), la Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinpia), è stato poi costituito, nel 2009, un gruppo di studio intersocietario. Dopo avere fatto un’accurata analisi delle evidenze scientifiche presenti in letteratura, le raccomandazioni su Epilessia e Vaccinazioni sono state rese pubbliche sul sito della Lice (dove sono accessibili in italiano a tutti al link ) nel 2011, e poi pubblicate sulla maggiore rivista epilettologica internazionale (Epilepsia) nel 2013.

In particolare, sono emerse le seguenti raccomandazioni:

  • Non deve essere evitata alcuna vaccinazione nel timore che possa causare epilessia;
  • Non è controindicato vaccinare bambini che presentano convulsioni febbrili;
  • Non è controindicato vaccinare persone (adulti e bambini) che presentano una epilessia idiopatica o sintomatica non progressiva;
  • Non deve essere evitata alcuna vaccinazione nel timore che possa causare una encefalopatia epilettica;
  • Non deve essere evitata alcuna vaccinazione nel timore di eventuali convulsioni febbrili. A tal proposito, è opportuno che i genitori siano avvertiti della possibilità che alcuni vaccini diano una reazione febbrile ed eventuali conseguenti crisi convulsive, in particolare nei casi in cui si siano già verificate convulsioni febbrili e/o che abbiano un‘età inferiore ai 6 anni. E’ sempre opportuno programmare il calendario vaccinale con il pediatra di base insieme alla collaborazione dell’epilettologo curante.
7 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»