AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Medicina iperbarica e subacquea, a Ravenna arrivano 300 esperti. E ci sarà anche un’immersione

BOLOGNA – Arriveranno esperti da tutto il mondo, a Ravenna, per confrontarsi sulle principali innovazioni della medicina subacquea e iperbarica. Una branca della medicina che si intreccia con l’oncologia, la neurologia,  la diabetologia. L’occasione è il 43° congresso EUBS (European Underwater & Baromedical Society), che per la prima volta quest’anno si tiene a Ravenna: un altro riconoscimento, questo, che si aggiunge a quello di capitale del mediterraneo per la subacquea industriale a servizio del settore energetico.

I lavori del congresso partono martedì 12 alla presenza del sindaco Michele De Pascale che darà il benvenuto agli ospiti internazionali al Palazzo dei congressi: sono attesi oltre 300 esperti da 37 paesi del mondo, a cui si aggiungeranno altri 200 accompagnatori, 60 paesi rappresentati e sei aziende internazionali. I relatori sono 97, per 13 sessioni tematiche: il congresso si chiuderà il 17 settembre dopo sei giornate di lavori.

In programma anche cinque eventi sociali per conoscere Ravenna e una immersione organizzata al relitto della piattaforma Paguro (per il 17, l’ultimo giorno). In programma anche un concerto esclusivo nella Basilica di San Vitale, un party di networking al Fellini Scalino 5 in piazza Kennedy, visite guidate per tutti gli accompagnatori, e cena di gala in spiaggia al Bagno Amarissimo di Lido di Savio.

Nei lavori scientifici a partire dal workshop organizzato dal Diving Medical  Advisory Committee (Dmac), troverà ampio spazio il confronto sul tema della sicurezza e della nutrizione dei subacquei: un argomento di grande interesse per la città di Ravenna che sulla subacquea industriale, a supporto del settore energetico ha  costruito  notorietà e reputazione di livello internazionale.

I lavori del primo giorno porteranno i partecipanti in un vero e proprio viaggio nella scienza dallo spazio al cuore, con la lezione del professore di astrofisica Santi Cassisi, seguita dalla relazione di Lionetti sul “cuore grosso”  e quella di Paolo Zamboni sul monitoraggio vascolare realizzato sull’astronauta Cristoforetti.

Tra gli argomenti più attesi del congresso, poi, la sessione dedicata alla neuroscienza e intitolata “cosa dovrebbe sapere un medico iperbarico sul cervello?”: in questa sessione è molto attesa la relazione di Shai Efrati al quale spetta il primato di aver scoperto i vantaggi dell’ossigenoterapia iperbarica nel trattamento della fibromialgia.

Per la sessione oncologia saranno protagonisti gli esperti dell’Università di Ferrara e dell’Irst, unico centro attivo sulla ricerca dell’ossigeno terapia in oncologia, dove saranno presentati i più recenti studi sulla radioterapia che presenta interessanti aspettative per la riduzione delle metastasi.

Per la sessione dedicata alla diabetologia  esperti europei e americani si confronteranno sul tema del piede diabetico, su come migliorare il percorso di trattamento e arrivare a ridurre il rischio di amputazione che come ormai è noto, ha forti conseguenze a livello sociale ed economico .

Al congresso Eubs grande spazio è dato ai giovani medici con una Masterclass dedicata alla ricerca e condotta da Costantino Balestra dell’università di Bruxelles.

Il 17 settembre con la chiusura dei lavori scientifici, il mondo della subacquea apre anche ai non esperti con l’iniziativa Simsi in tour, terza tappa di un ciclo di eventi di divulgazione scientifica promosso dalla Simsi (Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica) per promuovere la sicurezza subacquea e ridurre l’incidenza di rischi e incidenti in chi pratica sport sotto il mare. L’iniziativa prevede l’immersione alla piattaforma Paguro (aperta a massimo 25 sub) e un convegno scientifico nel quale interverrà, fra gli altri, Pasquale Longobardi, presidente Sismi e direttore sanitario del Centro iperbarico Ravenna.

07 settembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988