Basilicata

Basilicata, al voto 13 comuni ma solo 3 donne sono candidate a sindaco

POTENZA – Sono 12 nel Potentino ed 1 in provincia di Matera i Comuni lucani che andranno al voto domenica prossima, dalle 7 alle 23. Si votera’ a turno unico: il ballottaggio non e’ previsto perche’ nessuno dei 13 centri chiamati al voto supera i 15mila abitanti.
Si vota ad Atella, Castelluccio Superiore, Forenza, Genzano di Lucania, Lavello, Muro Lucano, Pietrapertosa, Pignola, Ripacandida, Ruvo del Monte, Sasso di Castalda e Vaglio di Basilicata per la provincia di Potenza. Solo a Tricarico per il Materano.

Ancor prima dello spoglio, le prossime amministrative si faranno ricordare per la scarsissima presenza di liste di partito. Pullulano invece quelle civiche. Uniche eccezioni le liste del Movimento 5 Stelle a Ripacandida, Genzano di Lucania e Lavello e quella del Pd a Ripacandida.

Le donne candidate a sindaco sono solo tre: Viviana Cervellino a Genzano di Lucania; Barbara Mariani (figlia del sindaco uscente Gerardo) a Muro Lucano; Maria Cavuoti a Pietrapertosa.

Tutti comuni rinnovano le amministrazioni a fine mandato tranne i casi di Forenza, Muro Lucano e Ripacandida che vanno al voto anticipato per lo stop anticipato delle consiliature.

Il Comune lucano piu’ grande che andra’ al voto domenica e’ Lavello (13.590 abitanti e 11.240 elettori), il piu’ piccolo e’ Sasso di Castalda (831 abitanti e 1.169 elettori compresi i fuori sede).

In vista delle elezioni regionali del prossimo novembre l’esito del voto di Pignola e Lavello si configura come test. Il lizza ci sono i due sindaci uscenti del Pd, rispettivamente Gerardo Ferretti e Sabino Altobello. In particolare quest’ultimo ha un passato importante: e’ stato piu’ volte assessore regionale e presidente della Provincia di Potenza. Ad ostacolare la sua riconferma saranno i 5 Stelle che a Lavello puntano ad occupare il palazzo di citta’.

7 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»