Forum sulla Comunicazione, Perrone: “News veloci e sbagliate? Devastano”

MILANO – “Non possiamo far finta che non esista mondo dei social e né ne possiamo dettare i tempi. Ormai la comunicazione viaggia sull’immediato, e bisogna fare molta attenzione, perché una comunicazione veloce sbagliata può creare danni pazzeschi”. A dirlo è il direttore dell’agenzia di stampa Dire Nico Perrone, intervenuto dal workshop che si sta svolgendo a Milano sulla cosiddetta “informazione aumentata” e sui legami che esistono comunicazione online e business. 

La conferenza è inserita all’interno del Forum sulla Comunicazione, in scena a Palazzo Lombardia per interagire e confrontarsi sui nuovi asset della comunicazione, “con l’obiettivo di fornire idee, visioni e riflessioni che possano essere utili per la crescita professionale e per lo sviluppo economico e sociale del Paese“.

Leggi anche:

I social possono far riscoprire il valore del professionista

“I social possono far riscoprire il valore del professionista, perché ci sarà sempre più bisogno di contestualizzare e verificare, altrimenti siamo tutti bravi”. È il pensiero di Nico Perrone, direttore dell’agenzia Dire, dal workshop su comunicazione e business inserito all’interno del Forum della Comunicazione, in scena a Palazzo Lombardia, a Milano.

 “Con l’avvento dei social da parte dei politici è infatti sorta la convinzione che tutti sono bravi- spiega Perrone- e molte volte mi sono accorto che questa convinzione può creare dei danni”. 

Ci vuole dunque velocità, ma accompagnata da professionalità: “Già l’agenzia vive di tempo reale- specifica Perrone- però sono comunque giornalisti professionisti che raccolgono e poi devono interpretare analizzare e contestualizzare”. Il direttore della Dire trova quindi “molto positivo che i leader politici si affidino a specialisti perché sono livelli diversi che comunicano in modo diverso”, conclude.

Ti potrebbe interessare:

7 Giu 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»