Voto anticipato, Renzi frena; M5S ci ripensa sul tedesco?; 12 mln italiani rinunciano alle cure - DIRE.it

Politica

Voto anticipato, Renzi frena; M5S ci ripensa sul tedesco?; 12 mln italiani rinunciano alle cure


Ecco titoli e tg politico realizzato dall’agenzia DIRE.

VOTO ANTICIPATO, RENZI FRENA: PER NOI SI VA AL 2018

“Per noi si vota nel 2018”. Matteo Renzi prova a frenare la corsa verso le urne innescata dalla riforma della legge elettorale. “Ci accusano di tramare contro il governo- dice- ma noi chiediamo di continuare sulla strada tracciata”. Renzi risponde così alle dure critiche di Giorgio Napolitano. Per l’ex capo dello Stato “il voto anticipato sarebbe un colpo alla credibilità del Paese”. Un timore espresso anche da Pierluigi Bersani.

TENSIONI SULLA LEGGE ELETTORALE, ‘GRILLINI’ CI RIPENSANO?

Fibrillazioni nel patto a 4 che regge la riforma elettorale.  Pd-Forza Italia-M5s e Lega hanno ottenuto lo scrutinio non palese su un centinaio di emendamenti. Nel segreto dell’urna il tedesco rischia sorprese per possibili franchi tiratori che potrebbero nascondersi negli stessi gruppi che hanno siglato l’accordo. Gli emendamenti depositati in aula hanno provocato malumori tra i deputati azzurri per l’insistenza dei grillini su voto disgiunto e preferenze. Anche nel Pd c’è maretta: gli orlandiani mal digeriscono l’accelerazione impressa sul voto anticipato, mentre i ‘grillini’ vogliono riconsultare i militanti.

GENTILONI: ITALIA IN PRIMA LINEA PER L’AMBIENTE

“L’Italia fara’ la sua parte per lo sviluppo sostenibile”. Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni, ribadisce la determinazione a rispettare l’accordo di Parigi sul clima. L’Italia, spiega Gentiloni, adottera’ il documento per la strategia per l’agenda 2020-2030, e “con una direttiva del presidente del consiglio saranno dati obiettivi particolari a ciascun ministero”, spiega Gentiloni a Montecitorio. Presenti il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Enzo Bianco dell’Anci e il presidente delle regioni Stefano Bonaccini che annuncia un patto antismog in pianura padana, con Maroni, Chiamparino e Zaia.

CENSIS: 12 MILIONI DI ITALIANI RINUNCIANO ALLE CURE

Sempre piu’ italiani rinunciano a curarsi. Dalla fotografia scattata dal Censis emerge che è salita a 35,2 miliardi di euro la spesa degli italiani per la sanita’. Ma continua a crescere la quota di chi non ce la fa a curarsi. Nell’ultimo anno 12,2 milioni di italiani hanno rinunciato: 1 milione e 200mila in più rispetto all’anno precedente. I sistemi sanitari regionali sono sempre più divaricati, con opportunità sempre più diversificate.

PAPA FRANCESCO INVITA A PREGARE PER LA PACE

Si rinnova in diversi Paesi l’iniziativa ‘Un minuto per la pace’, un momento di preghiera per ricordare l’incontro avvenuto l’8 giugno del 2014 in Vaticano tra Papa Francesco, il compianto presidente israeliano Peres e il presidente palestinese Abbas. “Nel nostro tempo c’è tanto bisogno di pregare – cristiani, ebrei e musulmani – per la pace”, ha detto il Papa, prima di salutare, al termine dell’udienza, i fedeli di lingua italiana.

7 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»