Welfare

Universita’, dalla Cusano un vademecum per trovare lavoro

ROMA –  Nonostante la disoccupazione giovanile, secondo i trend di marzo 2017, sia ai minimi degli ultimi 5 anni, è comunque importante conoscere le best practices per redigere il cv e la lettera di presentazione, per prepararsi al colloquio di lavoro e affrontarlo nel migliore dei modi. Per tali ragioni, l’Università degli studi Niccolò Cusano ha realizzato l’infografica ‘Neolaureato? Tips and tricks per trovare lavoro’ dove, oltre a trovare una panoramica generale sulla percentuale di donne e uomini laureati in Italia, ci sono il voto medio di laurea e le differenze tra Nord e Sud sulla retribuzione media di un neolaureato.

Vengono poi suggeriti una serie di ‘trucchetti’ per prepararsi ad affrontare al meglio il colloquio di lavoro. Qualche esempio: un curriculum conciso che sia al massimo composto da due pagine, scritto con un font chiaro, viene suggerito il carattere Helvetica, suddiviso in titoli, sottotitoli ed elenchi puntati, senza dimenticare di personalizzarlo, di volta in volta, sulle caratteristiche dell’azienda a cui lo inviamo.

GUARDA Neolaureato? Ecco come scrivere il cv, affrontare i colloqui e trovare lavoro

E’ molto importante ascoltare le domande e rispondere con il metodo Star (Situation task action and result):

Situation: cercate di rispondere in maniera strutturata come se raccontaste una storia, utilizzando il metodo delle 5W, senza trascurare la descrizione dello scenario in cui si inserisce;
Task: raccontate quale era il compito che dovevate portare a termine, più risulta complesso e difficoltoso più potrete mettere in risalto l’efficacia del vostro intervento;
Action: cercate di portare l’intervistatore attraverso i passaggi che vi hanno fatto arrivare al risultato;
Result: descrivete il risultato raggiunto nel modo più oggettivo possibile, il miglior modo per farlo è utilizzando delle cifre, se ne avete a disposizione.

7 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»