Monsignor Mupendawatu: "Forse Papa Francesco abbraccerà i malati di lebbra" - DIRE.it

Vaticano

Monsignor Mupendawatu: “Forse Papa Francesco abbraccerà i malati di lebbra”

papa francescoROMA  – Nella Messa che celebrera’ domenica prossima, 12 giugno, in piazza San Pietro per il Giubileo dei malati e dei disabili, ci potrebbe essere qualche “sorpresa” del Papa. A ventilare l’ipotesi, rispondendo alle domande dei giornalisti, e’ stato monsignor Jean-Marie Mupendawatu, sottosegretario del Pontificio Consiglio per gli operatori sanitari. Durante la conferenza stampa di presentazione del convegno internazionale ‘Per una cura olistica delle persone affette dal morbo di Hansen’, il presule ha sottolineato che l’evento giubilare sara’ “il culmine” dei lavori del 9 e 10 giugno, dopo il quale gli oltre 230 partecipanti intraprenderanno il classico percorso giubilare, con il passaggio della Porta Santa e la Confessione.

Interpellato in merito a un possibile incontro degli ex malati di lebbra con Papa Francesco, Mupendawatu ha riposto: “per il momento, quello che si puo’ dire e’ che – come il Papa ha sempre fatto tutti gli anni, soprattutto a gennaio per la Giornata mondiale della lebbra – anche quest’anno ci hanno assicurato che ne accennera’ all’Angelus di domenica. Per le altre cose che potranno succedere- ha proseguito- siamo ancora in attesa. Nella Santa Messa di domenica 12 in piazza San Pietro, forse ci sara’ qualche sorpresa del Papa”. Quello in programma all’Augustinianum il 9 e 10 giugno e’ il primo convegno interamente dedicato dal citato dicastero vaticano al morbo di Hansen. Altra novita’ assoluta: la presenza di ex malati di lebbra, che prenderanno la parola subito dopo i saluti dell’autorita’, all’inizio dei lavori: “non solo condivideranno le loro esperienze, parlando di come hanno superato le difficolta’ della malattia, ma potranno anche incontrarsi tra di loro, attraverso uno scambio tra le varie associazioni presenti nel mondo”, ha annunciato Mupendawatu. Vedi www.agensir.it

7 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»