Sanità

A Forlì un corso per imparare a operare col robot

medici_chirurgia

FORLI’ – Partirà domani, all’ospedale di Forlì, il primo corso di base di chirurgia robotica rivolto ai chirurghi dell’Ausl Romagna esperti in laparoscopia. Per chi fa il medico, è un’occasione per imparare a usare il sistema robotico, se si considera che molti team internazionali sono venuti e vengono a Forlì per imparare tecniche e procedure, in alcuni casi perfezionate e inventate proprio nella realtà forlivese. Al termine del corso, i partecipanti saranno in grado di gestire ed utilizzare il robot in chirurgia mini-invasiva. “L’obiettivo- spiega il responsabile scientifico Alberto Zaccaroni– è formare team robotici completi di medici e infermieri in grado di operare in tutte le discipline”. Il primo robot all’ospedale di Forlì entrò in funzione nel 2007 ed è stato utilizzato in ben 608 interventi, poi nel 2012 ne è stato acquisito un secondo, che è servito per circa 1.000 operazioni svolte in ben sette Unità operative dell’ospedale di Forlì (Chirurgia generale, gastroenterologica e mininvasiva, Chirurgia endocrina e bariatrica, Urologia, Chirurgia e terapie oncologiche avanzate, Chirurgia toracica, Otorinolaringoiatria, Ginecologia-Ostetricia). Ora il nosocomio ha deciso di proporre un corso per allargare le competenze dei medici di tutta la Romagna nell’utilizzo del robot. “La Direzione generale- spiega Zaccaroni- riconoscendo la grande esperienza dei chirurghi dell’ospedale forlivese, ha fortemente voluto questa iniziativa formativa, sia per estendere l’uso della piattaforma robotica di Forlì a tutti i chirurghi dell’Ausl che per permettere a tutti i pazienti romagnoli di usufruire di questa tecnologia in dotazione al nosocomio forlivese. L’intenzione è di formare team robotici completi di medici e infermieri in grado di operare in tutte le discipline”.

medici_chirurgia2La tecnologia robotica, spiega ancora Zaccaroni, “ha ampliato i confini della chirurgia mini-invasiva, garantendo interventi meno impattanti e quindi con un migliore decorso post operatorio. I chirurghi forlivesi hanno prestato la loro esperienza robotica in vari paesi del mondo e molti team internazionali sono venuti e vengono a Forlì per imparare tecniche e procedure, in alcuni casi perfezionate e inventate proprio nella realtà forlivese”. Il progetto formativo che parte domani vuole fornire a chi parteciperà basi teoriche e dimostrazioni pratiche dell’uso del sistema robotico e far conoscere le problematiche legate all’organizzazione della sala operatoria, del personale medico e paramedico. E’ prevista anche la partecipazione diretta agli interventi chirurgici in qualità di ‘aiuto’ e l’acquisizione di manualità nell’utilizzo del robot mediante training robotico quotidiano: su modelli artificiali, al simulatore e al tavolo operatorio. Saranno poi fornite le conoscenze tecnologiche di base, eseguite dimostrazioni delle possibili tecniche chirurgiche e analizzate le possibili complicanze. Il simulatore sarà a disposizione dopo la seduta operatoria: dal 22 giugno al 19 luglio dal 15 settembre al 7 ottobre. Al termine del corso, il chirurgo partecipante dovrà essere in grado di gestire ed utilizzare il robot in chirurgia mini-invasiva. Al corso possono iscriversi tutti i chirurghi esperti in chirurgia laparoscopica che desiderino utilizzare la tecnologia robotica in chirurgia mini-invasiva. In particolare riguarda i medici chirurghi dell’Ausl-Romagna specializzati in Chirurgia generale, Urologia, Chirurgia toracica, ORL, Ginecologia. Il corso si svolgerà nell’Aula Magna del polo didattico (Padiglione Valsalva Ospedale Morgagni) dall’ 8 giugno 2016 al 15 febbraio 2017.

7 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»