Un viaggio virtuale nella storia del rione Castro Pretorio: dalle terme di Diocleziano a piazza Esedra

Attraverso l'uso di un visore l'installazione permette di scoprire le meraviglie del quartiere dalla storia millenaria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La nascita delle Terme di Dicleziano, nel 298 dopo Cristo, con le sue piscine e vasche di acqua calda, ma anche palestre, biblioteche e giardini rigogliosi. La trasformazione del complesso termale nella Certosa di Santa Maria degli Angeli a opera di Michelangelo e il restauro dei grandi acquedotti che rifornivano le nuove fontane monumentali dell’età barocca. E poi le grandi trasformazioni ottocentesche, con l’apertura della Stazione Termini, la creazione di via Nazionale e piazza Esedra, con la sua forma che ricalca quella delle Terme, e l’arrivo di edifici imponenti, come quello del Grand hotel, oggi The St. Regis Rome, inaugurato nel 1894 dal leggendario albergatore Cesar Ritz. È un viaggio “nella storia millenaria del rione Castro Pretorio” la nuova installazione multimediale nata da una “partnership territoriale” tra il Museo nazionale romano, di cui le Terme fanno parte, e l’hotel St. Regis, che ha finanziato l’iniziativa.

Fruibile direttamente nell’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano, attraverso l’uso di un visore l’installazione permette di scoprire la storia e le meraviglie di un quartiere che nell’Ottocento divenne sede della nuova elite della Capitale d’Italia. Dedicata a turisti, ma anche ai romani, l’iniziativa permette di ripercorrere le trasformazioni dell’area “a partire dalla costruzione delle Terme fino all’inizio del Novecento, quando dopo l’Unità d’Italia e Roma Capitale, il quartiere viene investito da grandi trasformazioni urbanistiche”, ha raccontato il direttore del Museo nazionale romano, Daniela Porro, che oggi ha presentato la novità curata da Filippo Cosmelli e Daniela Bianco della società If insieme al general manager del St. Regis, Giuseppe De Martino. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»