Camerun, l’arringa di Bernard Muna l’avvocato degli anglofoni

ROMA – Bernard Muna, avvocato gia’ candidato alle elezioni presidenziali del Camerun, ha impegnato il suo studio legale per difendere i militanti del movimento di protesta anglofono arrestati nei mesi scorsi. Muna, ricostruisce il settimanale ‘Jeune Afrique’, difende gratuitamente circa 80 detenuti, e’ presente a ogni udienza del tribunale di Yaounde’ e si reca in carcere due o tre volte a settimana portando anche razioni alimentari.
L’avvocato fa parte del partito di opposizione Alliance of Progressive Forces (Afp), e’ stato vice procuratore del Tribunale penale internazionale per il Ruanda dal 1997 al 2002 ed e’ membro di una commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sul conflitto armato nella Repubblica Centrafricana.
La tensione nella regione anglofona del Camerun e’ aumentata nel 2017 quando il presidente Paul Biya ha puntato sugli interventi repressivi per piegare i separatisti, molti dei quali costretti a trovare rifugio nella vicina Nigeria.

7 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»