Imprese, Groupama riceve il premio ‘Top Employers Italia 2019’

Groupama Assicurazioni per il quinto anno consecutivo riceverà l’ambito riconoscimento da parte del Top Employer Institute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Saranno consegnate oggi le certificazioni Top Employers Italia 2019: Groupama Assicurazioni – per il quinto anno consecutivo – riceverà l’ambito riconoscimento da parte del Top Employer Institute, che lo consegna alle imprese con i più alti standard qualitativi nelle politiche di gestione delle Risorse Umane.

Quest’anno sono 102 le aziende che – durante l’odierna cerimonia di premiazione presso l’Alcatraz a Milano – otterranno la prestigiosa certificazione. L’assegnazione – dopo un’accurata fase di pre screening – si basa su uno strutturato processo di analisi e verifica che prende in considerazione 9 macro aree, tra cui le condizioni di lavoro e i benefit, la formazione e lo sviluppo dei talenti, le opportunità di carriera, la cultura aziendale e la retribuzione.

In particolare la ricerca ha verificato che Groupama Assicurazioni offre ai propri dipendenti un’ampia gamma di iniziative proattive a loro favore: innovativi percorsi di formazione, programmi di valorizzazione delle migliori professionalità aziendali e opportunità di maturare esperienze di mobilità internazionali.

Carla Bellavia, direttore Risorse Umane e Organizzazione di Groupama Assicurazioni, ha dichiarato: “Riteniamo che ricevere per il quinto anno consecutivo la certificazione Top Employer sia la testimonianza dell’impegno quotidiano che la nostra compagnia, in linea con i valori del nostro Gruppo, ripone nella valorizzazione delle persone, nostra principale risorsa, e nel loro coinvolgimento. Confermare gli ottimi risultati e gli standard qualitativi che da anni contraddistinguono Groupama Assicurazioni sono per noi uno sprone per continuare a innovare e migliorare le politiche di gestione e valorizzazione delle nostre risorse”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»