A Berlino si mangia cibo made in Lazio, seconda giornata al Fruit

Cinque le aziende del territorio presenti alla fiera internazionale, nello stand allestito da Arsial e animato da cooking show e degustazioni in collaborazione con Agrocamera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BERLINO – I segreti della panzanella perfetta svelati dallo chef Francesco Capirchio. Inizia così la seconda giornata del Lazio al Fruit Logistica, la fiera internazionale dell’ortofrutta in scena a Berlino fino a domani.

Cinque le aziende del territorio presenti allo stand allestito da Arsial e animato da cooking show e degustazioni in collaborazione con Agrocamera. “In due minuti” lo chef ha preparato il piatto tradizionale rivisitandolo grazie alle eccellenze made in Lazio presenti nella Capitale tedesca. Ecco allora che nella panzanella, utile tra l’altro a riutilizzare il pane avanzato, Capirchio ha inserito gli asparagi di Canino portati dalla cooperativa Copa, le zucchine di Fondi coltivate dalla Csc Lazio e il mitico pomodorino prodotto dalla Torpedino srl. Il risultato è una pietanza “dal sapore evocativo e dai gusti ancestrali, ma con un giusto mix che guarda all’innovazione- dice il presidente della Provincia di Latina, Carlo Medici- Abbiamo tutte le potenzialità, partendo dalla qualità migliore al mondo, ma non basta. Dobbiamo incentivare queste iniziative- aggiunge- dove l’innovazione e la gastronomia sono le dimensioni da intraprendere”.

Esperimento promosso anche dal presidente Arsial, Antonio Rosati, tanto che “questa ricetta la metteremo nel menu dell’enoteca regionale di via Frattina, dove si mangia e si beve Lazio. Un piatto così non può mancare”.

In attesa di assaggiare la panzanella anche a Roma, questa seconda giornata al Fruit proseguirà con la presentazione di altre due specialità. A pranzo sarà la volta del carpaccio marinato nel succo di melograno di Fondi dell’azienda Agripeppe, accompagnato da una insalata con gli asparagi verdi di Canino, le zucchine di Fondi e i funghi di Cisterna di Latina, portati da Funghidea.

A seguire, un risotto con le zucchine ‘Velletri-style’. Ultimo appuntamento della giornata alle 15, quando lo chef farà assaggiare al pubblico internazionale una gelatina di melograno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»