M5s, Bini (Pd): “Riempita di insulti per un commento a Di Battista, querelo”

La parlamentare del Pd è stata letteralmente sommersa di insulti dai fan di Alessandro Di Battista: "Chiederò ai gestori della sua pagina Fb di intervenire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Per un commento ad un post delirante di Alessandro Di Battista, sono stata sommersa da insulti irriferibili e prevalentemente maschilisti. Ho dato mandato al mio avvocato di querelare tutti i profili facebook che si sono contraddistinti in questo tiro al bersaglio”. Lo rende noto la senatrice Pd Caterina Bini, dell’ufficio di presidenza del gruppo dem a Palazzo Madama.

“Chiedo ai gestori della pagina dell’esponente 5 stelle- afferma la senatrice- a tutti i parlamentari di quel gruppo ed in modo particolare alle donne, se ritengono corretto questo modo vergognoso di rispondere ad obiezioni politiche? La propaganda del M5S sta ampiamente superando i livelli di guardia, c’è una violenza esorbitante che mette paura e che fa riflettere sul loro concetto di democrazia”.

Al commento della senatrice del Pd Caterina Bini al post di Alessandro Di Battista, hanno replicato una novantina di fan dell’ex parlamentare 5 stelle. Tra questi, “Luisa Mura ..detto da una che è una vita in politica, vergognati parassita, molla la poltrona e vai a cercarti un vero lavoro, merdaccia“.

O anche “Libera Totaro Caterina quando al governo c’era il Pd gentilmente mi spieghi solo una cosa buona fatta da quel governo??? Mignotta parassita vergognati!!!”. Insulti anche da “Giuseppe Inzillo. Caterina Bini minchia con sta faccia da cazzo lo scrivi? Sei paragonabile a Wanda Marchi… Tloia”, da “Luciano Mainetti “Caterina Bini ma non hai un cazzo da fare??? Invece di scassare la quallera vai a fare il tuo lavoro (che non si capisce qual è)” e “Salvatore Bortone La parlamentare de miej coglioni!!!!! Ma sparisci!!!!!!!!!!!!!!!”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»